(3 / 5)

Curiosità e aneddoti (ufficiali) per tutti gli amanti di Harry Potter


Metti una notte in cui non riesci a dormire. Accendi il Kindle, cerchi su Prime Reading qualcosa da “noleggiare” gratuitamente. E trovi “Racconti di Hogwarts: prodezze e passatempi pericolosi” di J. K. Rowling. Metti che sei una fan della prima ora di Harry Potter. E niente, l’ho subito iniziato, e in un’ora era bello e finito. Che ve lo dico a fare. Tre buoni motivi per leggerlo:

1 Perché se sei fan di Harry Potter, sei in astinenza dai romanzi e vuoi leggere qualcosa di J. K. Rowling, con questa piccola raccolta di brevi storie vieni ricatapultato nell’universo di Hogwarts.

2 Perché scopri un sacco di cose sulle storie dei personaggi, raccontate finalmente da una voce ufficiale e dunque uscendo dalla sfera delle “congetture” dei fan: il passato della professoressa McGranitt (che qui viene chiamata con il nome originale, McGonagall… perché viene spiegata l’origine di questo nome), quello di Remus Lupin, e di altri personaggi della saga.

3 Perché è una buona lettura, leggera, che non toglie spazio ad altri libri: se non si è disturbati, si legge comodamente in un’oretta.