3.5 out of 5 stars (3,5 / 5) Un’insolita fusione tra il mondo di Peter Pan e la Roma dei giorni nostri

***

“Pan” è un’insolita favola nera che mi colpì parecchi anni fa. Trama avvincente, ambientazione in un insolito scenario urbano, ritmo veloce. Nei cieli di Roma lo scontro si sta preparando: bambini e pirati, vecchie e nuove divinità.

Ecco tre buoni motivi per leggere “Pan”:

È un fantasy ambientato nelle notti romane: in effetti, trovare fantasy di qualità ambientati nella nostra Italia non è ancora così facile.

Non è la solita fiaba, e sicuramente non aspettatevi nulla di “disneyano”: è un’inquietante e affascinante favola nera, in cui viene rappresentato il Pan della mitologia (spirito anarchico e sensuale) in cui nulla è come sembra. Tantomeno il finale.

Chi conosce la classica storia di Peter Pan si potrà comunque divertire a cercare di capire quale personaggio del libro corrisponde a quelli dell’intramontabile opera di James Matthew Barrie.