Il cibo è un contorno di momenti felici

Tempo di lettura: 1 minuto

Chi mi conosce sa che sono una mangiona senza ritegno. Sarei capace di mangiarmi un arrosto alle 7 del mattino, concludendo con una spaghettata a mezzanotte tutti i giorni. In pratica, come quantità di pasti giornalieri, mi sento decisamente in grado di battere un hobbit.

E dunque il mio condominio, in cui c’è sempre odore di cibo (buono) sembra essere stato costruito apposta per me. Qui c’è SEMPRE qualcuno che cucina. Sempre. Alle 9,30 del mattino ritiri il bucato dimenticato il giorno prima, e vieni accolto da un invitante profumo di grigliata (a quest’ora? Si, a quest’ora). Alle 11 qualcuno inizia a preparare il pranzo, e sale su un profumo di sughetto che indurrebbe in tentazione un santo. E poi il fritto di pesce all’ora del dessert, per merenda la focaccia appena sfornata (delinquenti!), i dolci, lo stufato, il minestrone alla genovese. E tanto altro. 

Ora, non storcete il naso per gli orari (io storco il naso perché nessuno offre!). Forse a qualcuno la grigliata mista alle 9,30 del mattino potrebbe urtare. A me no. Perché il cibo non è solo cibo per me, gli ho sempre riservato un’importanza fondamentale: è un contorno di momenti felici. E allora ogni profumo mi ricorda una tavolata allegra, una vacanza, un pic nic, una cena romantica, una serata al ristorante di quelle in cui ridi fino alle lacrime, un momento di quelli in cui “finalmente sono da sola così posso sperimentare un po’ ai fornelli, davanti a un buon film, senza avvelenare nessuno”.

Sono probabilmente stata un po’ retorica. Ma a me davvero il cibo mette allegria e completa la giornata. D’altronde, state pur sempre parlando con una che quando era alle elementari, disegnando uno scorcio di Torino, disegnò il teatro Carignano piccolissimo, come una cosa che c’è e cosa ci vuoi fare, per essere credibile almeno un po’ di spazio glie lo devi dare. E poi a fianco, gigantesca, la gelateria.

Valentina

Arriva la nostra rassegna...

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate:...

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Bridgerton” (Netflix): la vita difficile degli sceneggiatori

Le serie tv che conquistano milioni di spettatori e spettatrici devono molta della loro fortuna al testo, all’intreccio, quindi il loro successo (o fallimento)...