Tre buoni motivi per leggere “Mille e più farfalle” di Deborah Riccelli

Tempo di lettura: 2 minuti

La curiosità di leggere “Mille e più farfalle” (Erga, 2018) di Deborah Riccelli mi è venuta conseguentemente a un mix di fattori: conosco l’autrice, le sue attività e il suo impegno, e conosco la casa editrice (e questi due fatti sono già per me garanzia di qualità). E poi, certo, lo ammetto, mi ha incuriosito l’incredibile successo di questo libro di appena 65 pagine. Ho letto questa raccolta di racconti che parlano di bambine che nelle loro vite – seppur brevi – hanno lasciato un segno indelebile nella vita di chi resta, ed ecco perché lo consiglio:

1 Chi segue questo blog sa quanto io apprezzi la sintesi: lo scrittore che suscita emozioni autentiche con poche parole, poche righe, poche pagine, è come un artista che con pochi tratti e in cinque minuti realizza un ritratto (di quelli belli davvero). E l’autrice, in questo libro che si legge davvero in poco tempo, riesce a catapultare il lettore in una girandola di emozioni: commozione, dolore, speranza.

2 È un libro breve ma fortemente impegnato: sostiene gli ideali dell’Unicef, e a leggerlo viene voglia di approfondire le diverse tematiche affrontate che prendono sempre spunto da fatti reali e di attualità e, perché no, di impegnarsi in prima persona (ad esempio nella lotta contro la violenza sulle donne). Per quanto riguarda l’approfondimento, aiutano molto gli interventi – alla fine di ogni racconto – di psicologi professionisti.

3 Agli occhi del lettore si mostra evidente il background culturale e lavorativo dell’autrice, formatrice esperta in stereotipi del linguaggio, violenza di genere e crimine famigliare, socia fondatrice e presidente di una onlus che si occupa del supporto psicologico e legale delle vittime di violenza. Si intuisce che è abituata a occuparsi di determinate tematiche a tutto tondo, anche di quelle considerate forse più “tabù“, proprie di donne che – oltre a essere mamme – non si dimenticano di essere individui: si intuisce ad esempio la componente di “egoismo” (passatemi il termine, in questo senso con accezione non negativa ma semplicemente umana) e senso di inadeguatezza della mamma dell’ultimo racconto, tutt’altro che coraggiosa, che voleva un futuro perfetto, e che, invece, si ritrova ad aver a che fare con una figlia speciale che le stravolge la vita. Sentimenti forse che la società condannerebbe senza appello. Ma che invece sono propri dell’essere umano, da saper leggere e interpretare.

Arriva la nostra rassegna...

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate:...

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Bridgerton” (Netflix): la vita difficile degli sceneggiatori

Le serie tv che conquistano milioni di spettatori e spettatrici devono molta della loro fortuna al testo, all’intreccio, quindi il loro successo (o fallimento)...