Oggi i 100 anni di Italo Calvino: perché è (ancora) uno degli scrittori più amati

Tempo di lettura: 1 minuto

Il 15 ottobre del 1923 nasceva Italo Calvino. A Cuba, per un caso che lì, per le vie dei destini incrociati lo riporterà. Ma sempre sui suoi documenti scrisse nato a Sanremo, dove tornò quasi subito e dove si formò sino alla guerra e alla decisiva esperienza partigiana. Poi divenne un protagonista assoluto della cultura italiana del secolo scorso, anche nel suo ruolo di responsabile editoriale, di scopritore di talenti, di raccoglitore di gemme come la grande raccolta delle “Fiabe Italiane”.

La nostra recensione de “Le città invisibili” è ancora oggi quella più letta nella storia del blog, a dimostrazione che Calvino è ancora un autore straordinariamente amato dai lettori.

Molti di noi sono stati accompagnati dai suoi libri sin dalle scuole elementari, anche con libri che proprio per ragazzi non sono. E moltissimi lo hanno riletto e riscoperto più volte nel corso della loro vita. Per tanti, probabilmente, le sue opere hanno avuto il destino che lui attribuiva ai classici: essere conosciuti anche da chi non li ha mai letti.

Più di qualunque autore italiano ha esplorato tutte le strade narrative del secondo Novecento, dall’OuLiPo di Quenau e Perec al postmoderno. Anche per questo è senza alcun dubbio lo scrittore italiano più internazionale, quello che abbiamo trovato amato anche in Giappone, dove non abbiamo resistito alla tentazione di prendere per la nostra libreria l’edizione in ideogrammi di “Se una notte d’inverno un viaggiatore”.

A 100 anni dalla sua nascita il suo modo di giocare con le parole lo rende resistente al passare del tempo e alle mode. Un autore che ha saputo scrivere per i lettori del futuro.

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...