Emozioni e informazioni come armi: un confine da non superare. Due libri per riflettere

Tempo di lettura: 2 minuti

Il generale Valerij Gerasimov è il Capo di Stato Maggiore dell’esercito russo. A lui è attribuita la dottrina Gerasimov, una strategia militare non sull’artiglieria ma sulle informazioni, la violazione dei dati, le fake news. Armi che possono apparire trascurabili rispetto all’orrore delle bombe e del fuoco, ma che risultano determinanti per creare un clima in cui non c’è spazio per diplomazia e dialogo ma solo per l’escalation.

Stati nervosi: si è sempre in guerra

In un libro di cui abbiamo già parlato, “Stati nervosi – Come l’emotività ha cambiato il mondo” (Einaudi, 2019), William Davies parte da Gerasimov per spiegare perché la conoscenza richiesta in guerra non è “dello stesso tipo di quella a cui siamo abituati in tempo di pace […]. In situazioni belliche le informazioni più valide sono spesso avvolte nella segretezza, mentre si compiono sforzi deliberati per sviare il nemico. Lo scopo è la vittoria, non la concordia. Un problema fondamentale in guerra è accertarsi che le informazioni necessarie siano disponibili al posto giusto all’ora giusta e non siano intercettate. Non ci si può perdere in un dibattito lento, ragionevole“. Anche la verità non conta, perché “Non ha senso avere ragione se si ha già perso”.

Contano invece le emozioni: “La guerra attribuisce al sentire una rilevanza maggiore rispetto alla pace” e “Quando questo accade, i fatti vengono manipolati per ottenere il massimo impatto emotivo (sia positivo, sia negativo), mentre le sensazioni diventano un odo valido per farsi strada in un ambiente in rapido cambiamento. La minaccia più seria non sta nel rischio di perdere il rispetto per la verità in sé, ma nel fatto che la verità diventa una questione politica che accentua il disaccordo e la possibilità di conflitto, piuttosto che risolverli“.

Certo, la propaganda e il morale sul campo e sul fronte interno sono importanti sin dalla prima guerra mondiale, ma come spiega bene Davies la novità dei nostri tempi è che la guerra dell’informazione è oggi la nostra condizione normale anche in tempo di pace. La Dottrina Gerasimov si basa su questo: la cancellazione del confine tra pace e guerra. Si è sempre in guerra.

Facebook, un’inchiesta da leggere

È su queste basi – spiega l’autore – che la Russia ha condizionato le elezioni Usa del 2016 attraverso l’infiltrazione sui social network. Una vicenda ormai nota e analizzata, ma di cui spesso si elude la questione principale: la connivenza degli stessi social, in particolare di Facebook, con questa strategia. Lo spiegano con dovizia di particolari le giornaliste Sheera Frenkel e Cecilia Kang nel loro “Facebook: l’inchiesta finale”, edito in Italia da Einaudi nel 2021. Quello che il libro dimostra è semplice: Facebook è un’azienda che ha un unico interesse prevalente, ovvero fare soldi, sempre più soldi. E per fare soldi Facebook ha bisogno di click. E cosa porta più click dell’odio? Quasi nulla.

Nello shoccante capitolo in cui viene descritto il ruolo determinante assunto dal social network nelle violenze in Myanamar contro la minoranza musulmana dei Rohingya, non c’è possibilità di equivoco: “Facebook era stato pensato per alimentare qualsiasi contenuto che scatenasse un’emozione, anche se si trattava di hate speech: i suoi algoritmi favorivano il sensazionalismo”. Alcuni lavoratori hanno provato a opporsi a questa logica, e alcuni componenti del management ammettevano che le proposte del News Feed sono erano come cibo spazzatura: “Sapevamo che era robaccia zuccherosa che per di più faceva male alla salute di tutti, anche di noi che la promuovevamo”. Ma “gli utenti trascorrevano sulla piattaforma un tempo maggiore, il che significava che i sistemi funzionavano. La robaccia zuccherosa creava assuefazione”.

Per questi motivi la notizia diffusa in questi giorni che Facebook abbia deciso di non bloccare, in alcuni paesi, determinati post che incitano all’odio contro la Russia è un’aberrazione che andrebbe fermata. Innanzitutto perché questo è un modo per essere in guerra, per partecipare alla guerra: gli algoritmi sono cannoni. In secondo luogo perché Facebook fa questo per fare più soldi, non per sostenere dei valori.

Paradossalmente diffonderemo questo articolo anche sui social. O forse non è un paradosso ma un invito: mettiamo dei fiori, nei loro cannoni.

Il tradimento del lavoro:...

Lavoratrici e lavoratori dei settori dell'istruzione, della grande distribuzione,...

“Il limite invisibile” di...

Con "Il limite invisibile" (Giunti, 2023, nella efficace traduzione...

“Pizza Girl” di Jean...

"Pizza Girl", esordio di Jean Kyoung Frazier (Blackie, 2022,...

“Crepacuore” di Selvaggia Lucarelli...

Di Selvaggia Lucarelli e di quanto i suoi libri...

“La Torre” di Bae...

Di fronte alla collana 'Asia' della casa editrice torinese...

Dark Japan: “Non è...

Potrebbe essere un manga e sarebbe perfetto per una...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Il tradimento del lavoro: libri per capire la rivoluzione silenziosa del nostro tempo

Lavoratrici e lavoratori dei settori dell'istruzione, della grande distribuzione, del terzo settore, della cultura, dello sport, del giornalismo, della ricerca, della logistica, dell'Ict, della...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

“Le sette lune di Maali Almeida” di Shehan Karunatilaka: il capolavoro arriva dallo Sri Lanka

Non sempre i romanzi che conquistano i grandi premi letterari si rivelano all'altezza delle aspettative dei lettori. Nel caso di "Le sette lune di...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...

Tre buoni motivi per leggere “Lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde” di Robert Louis Stevenson

Un classico gotico che ci costringe a guardarci allo specchio E va bene, lo ammetto: "Lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde" scritto...

Tre buoni motivi per leggere ‘Pechino pieghevole’ di Hao Jingfang

Dovremmo essere veramente grati alla casa editrice torinese Add per aver fatto conoscere al pubblico Hao Jingfang, prima scrittrice a vincere - nel 2016...