Morirò sepolta da una valanga di comunicati stampa

Tempo di lettura: 1 minuto

Morirò sepolta da una valanga di comunicati stampa. Vi ho voluto bene.

Scrivete di me che ho amato il mio lavoro, e che perdono anche gli addetti stampa più molesti, anche quelli che «Ma tu per caso scrivi anche di Reggio Calabria?», anche quelli che come il loro capo alza il mignolo devono inviare 30 comunicati stampa, anche quelli che devono intasare le mail con i pareri non richiesti (e non fondamentali) dei loro capi su qualsiasi cosa, dai viaggi nello spazio agli 80 anni di Jane Fonda, anche quelli che non sanno scrivere e che mi tocca cercare di interpretare con il vocabolario di armeno antico (e che magari inseriscono anche faccine, stelline, cuoricini, e altre amenità), anche quelli che si autopropongono con i loro autoeditoriali spacciandoli per comunicati stampa, anche quelli che non si capisce bene cosa vogliono e probabilmente stavano giocando a Candy Crush quando è arrivato il capo e per far vedere che stavano facendo qualcosa, in preda a un attacco di panico, hanno fatto partire per sbaglio l’invio.

Sì, sono acida, ma un po’ di sano mugugno concedetelo anche a me, è il mio modo “made in Genova” per dirvi che vi voglio bene e che sicuramente senza di voi non potrei mai provare l’emozione di trovarmi così tante mail in arrivo, sentendomi una vera vip per almeno 10 minuti al giorno (quando, in preda all’isteria, mi metto a cancellare roba, almeno quella che proviene da altre regioni); cioè in pratica dei vip per ora ho ottenuto solo i lati negativi, ma va bene così, ho molta pazienza e so aspettare.

Valentina

Arriva la nostra rassegna...

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate:...

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Che meraviglia i libri con testo originale a fronte

I libri con testo originale a fronte possono rappresentare una meravigliosa indecisione: non sai mai se leggere la traduzione in italiano, per ovvi motivi,...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...