Tre buoni motivi per affidarsi (almeno ogni tanto) a un lettore e-book

Tempo di lettura: 2 minuti

E-book sì, e-book no: sul web e soprattutto sui social impazzano le discussioni tra chi preferisce il buon vecchio libro di carta e chi invece si è “convertito” al digitale.

Discussioni che a volte sono davvero senza capo nè coda: acquistare un lettore e-book infatti non vuol dire “rinnegare” la carta, il passato e la tradizione. Anzi, i veri appassionati di libri in genere leggono sia sulla carta sia sui supporti digitali.

Nonostante uno scetticismo di fondo legato ad alcuni dilemmi che ci siamo probabilmente posti tutti (“come faccio a sfogliare velocemente le pagine se voglio rileggere un passo?”, “come faccio a prendere nota o a sottolineare?”) diversi anni fa ho comprato il mio primo lettore e-book ed è stato amore a prima vista. Non per questo, ovviamente, ho abbandonato i libri di carta; non ho smesso di comprare cartacei, non ho smesso di sostenere con piacere l’editoria indipendente, e non ho smesso di recarmi nelle grandi e piccole librerie.

Ecco dunque tre buoni motivi che mi spingono a consigliare l’acquisto di un lettore e-book a tutti gli appassionati di libri:

1 Tantissimi libri in un dispositivo solo: gli e-book sono file che pesano poco, e dunque in un dispositivo solo ce ne stanno davvero tanti. L’ideale, ad esempio, per chi viaggia e non può far stare in valigia troppi “tomi”. Senza contare che, collegando il dispositivo a internet, si possono acquistare nuovi libri con un clic, togliendosi subito lo sfizio di leggere qualcosa di interessante. E, per gli indecisi, ci sono gli estratti gratuiti con gli incipit dei libri da leggere per capire se vale la pena comprare anche il resto.

2 Un “tomo” in borsetta: spesso uso il mio lettore e-book quando esco, ad esempio se devo prendere il treno, oppure se devo attendere nella sala d’aspetto di un medico. Basta metterlo in borsetta, e ii gioco è fatto, l’ingombro è minimo, non importa quante pagine compongano il libro in questione nella sua forma cartacea. Molto comodo per chi (come me, che già giro portandomi dietro il mondo) non potrebbe proprio far stare in borsa anche mattoni come “Il nome della rosa”, “Guerra e pace” o “Il circolo Pickwick”.

3 La luce integrata: Dio salvi la luce integrata dei lettori e-book, nume tutelare dei rapporti di coppia. Permette di leggere con la giusta illuminazione (senza quelle orribili lampadine da pinzare sulle copertine dei cartacei che poi tanto lo sappiamo tutti che si staccano, si rompono, non stanno su e non illuminano) senza disturbare il sonno di chi sta accanto a noi. Insomma, possiamo leggere a qualsiasi ora della notte senza più sentirci dire: «Spegni l’abat-jour?».

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...