Tre segnali che vi faranno capire che il lettore e-book non è adatto a voi

Tempo di lettura: 2 minuti

Continuiamo la nostra rassegna dedicata ai “libri digitali”: dopo avervi spiegato i miei tre buoni motivi per utilizzare un lettore e-book almeno ogni tanto, occorre anche specificare che questo dispositivo comunque non è adatto a tutti. O comunque, non a tutte le occasioni e i generi di libro. È anche per questo che continuo a comprare, apprezzare e utilizzare il cartaceo.

Ecco perché nonostante lo adori, secondo me, l’e-book non è fatto…

1…per chi deve studiare: leggere è una cosa, studiare è un’altra. E i libri di studio a volte contengono grafici e illustrazioni che sono difficilmente riproducibili su un lettore e-book (che, tra l’altro, riproduce i file in bianco e nero). Non solo: chi studia può aver bisogno di saltare di pagina in pagina, di sfogliare il libro velocemente per ripassare, di prendere appunti a margine, di evidenziare (io al liceo e all’università usavo addirittura pennarelli di colori diversi, poi le matite, insomma i libri di studio li massacravo). Insomma cose ancora molto complicate da fare con un lettore e-book che lascia sì sottolineare in nero, ma io per lo studio avevo bisogno di un bell’evidenziatore giallo sparato che attirasse la mia attenzione nel ripasso. Ragion per cui dico: il lettore e-book, per la mia esperienza, è più adatto ai libri di narrativa che ai saggi o ai libri su cui studiare.

2per chi prende appunti: ok, nella gran parte dei lettori e-book in realtà c’è una funzione che permette di scrivere note personalizzate. Secondo me però non sono così intuitive nè visivamente impattanti come quando dobbiamo scrivere una cosa da ricordare e magari disegniamo frecce, scriviamo a caratteri cubitali magari anche con colori diversi, o se magari prendiamo TANTI appunti, aprire una nuova nota ad ogni riga può diventare un’operazione complessa. Diciamo che la funzione che ci consente di aggiungere note può essere utilizzata giusto ogni tanto.

3 …per chi vuole avere sott’occhio titoli e autori, sempre: in questo caso mai niente funzionerà come una bella libreria in salotto, o come il classico libro cartaceo sul comodino. Sembra una sciocchezza, ma a parte alcuni libri che mi sono rimasti veramente molto impressi e che si possono trovare nella categoria dei libri consigliati, tendo a dimenticare titoli e autori dei libri che leggo sul dispositivo e-book, non avendoli mai sott’occhio. E no, questo in effetti non è bello…

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...