‘Il tuffo’ di Jonathan Lee: quando il (grande) romanzo dà umanità alla storia

SUL LIBRO

Un capolavoro a cui forse non si è dato l'adeguato rilievo

Tempo di lettura: 2 minuti

Mi capita spesso di acquistare libri che leggerò molto tempo dopo. In alcuni casi me ne pento, perché meritavano di essere scoperti e segnalati immediatamente. É proprio quello che mi è successo con ‘Il tuffo’ di Jonathan Lee, pubblicato in Italia da Sur nel 2017, nella bellissima traduzione di Sara Reggiani. Il libro si basa su un fatto storico, l’attentato dell’IRA al Congresso del Partito Conservatore britannico del 12 ottobre 1984: l’obiettivo era quello di uccidere Margaret Tatcher, ma le vittime furono 5 innocenti e decine di feriti, tra cui alcuni che riportarono danni permanenti.

Un romanzo che, come sa fare solo la grande narrativa, colma i vuoti del reale con l’immaginazione. Che può essere meno autentica, ma è certamente più vera. Un capolavoro, a cui forse non si è dato l’adeguato rilievo.

La trama in breve

Moose Finch, un passato da sportivo, è il vicedirettore del Grand Hotel di Brighton, scelto dal Partito Conservatore per svolgere il suo Congresso del 1984. Per Margaret Tatcher, impegnata nel confronto con i minatori, è uno snodo cruciale, e può esserlo anche per Moose, che aspira a una promozione, anche per garantire gli studi universitari alla figlia Freya. Lei è una ragazza che la madre ha lasciato con il padre e che affronta un’estate di passaggio che potrebbe portarla definitivamente alla vita adulta. Queste micro storie dovranno fare i conti però con la macro storia, il cui veicolo è Dan, giovane di Belfast, militante dell’IRA esperto di dinamite, di cui seguiamo l’iniziazione e l’educazione sentimentale alla violenza e alle sue conseguenze. Ma anche quella di Dan è una micro storia, perché ‘Il tuffo’ è proprio questo: la storia di come la normalità del quotidiano possa essere spazzata via in un attimo dai conflitti collettivi che ci prescindono e ci coinvolgono.

Tre buoni… personaggi per leggerlo:

‘Il tuffo’ di Jonathan Lee intreccia le vicende di tre personaggi in modo magistrale, e su ognuno di loro possiamo fondare un ottimo motivo per leggere questo romanzo.

1Dan. Dovrebbe essere il cattivo, colui che semina morte e distruzione per un’ideologia, senza guardare a chi è davvero colpevole della violenza che i cattolici dell’Irlanda del Nord sono costretti a subire. Ma Dan è, appunto, anche una delle tante vittime della perversa logica della realtà in cui vive. Jonathan Lee non assolve mai il suo personaggio, ma attraverso di lui ci dice che qualunque condizione umana non è mai a una sola dimensione. E il finale che gli riserva è di quelli che struggono

2Freya. Raramente ho trovato un personaggio femminile così ben immaginato e raccontato. Freya porta con sé lo spleen dell’adolescenza al suo termine e la fragilità della prima generazione a cui gli adulti (a partire dai politici) hanno detto che avrebbero comunque dovuto arrangiarsi da soli. Freya, inoltre, porta su di sé l’impronta dell’estate, una stagione dove gli inizi e le fini spesso coincidono, soprattutto quando tu devi rimanere sul mare d’inverno, mentre i turisti tornano nelle loro grandi città. O dopo che esplode una bomba proprio al centro del tuo futuro.

3Moose. Un uomo che porta su di sé le conseguenze di una società che ti carica di aspettative, di responsabilità e di ambizioni di successo e poi ti relega nella mediocrità dei vinti appena inciampi, appena sbagli tuffo. Un uomo che è abbandonato dalla moglie, non riesce a ricostruirsi una vita sentimentale e che dedica tutto sé stesso alla figlia e all’albergo in cui lavora. Moose che ha un infarto per il troppo fumo e che troverà la sua ragione d’essere sotto le macerie di una bomba. Il 1984 dell’Inghilterra e dell’affermazione realismo capitalista può essere raccontato con le tinte fosche e allucinatorie di David Peace in ‘GB84’ o con lo sguardo mai dolente e sempre empatico di Jonathan Lee, che con ‘Il tuffo’ riesce a restituirci lo spirito di un’epoca e il senso di una frattura che ancora ci attraversa.

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Un capolavoro a cui forse non si è dato l'adeguato rilievo'Il tuffo' di Jonathan Lee: quando il (grande) romanzo dà umanità alla storia