La divertente vendetta di “Dente per dente” di Francesco Muzzopappa

SUL LIBRO

Un uomo esilarante catapultato in una serie di situazioni ancora più esilaranti

Tempo di lettura: 1 minuto

Ero in vena di leggere qualcosa di divertente e, scorrendo i libri proposti dal Kindle, mi è apparso “Dente per dente” di Francesco Muzzopappa, edito da Fazi nel 2017. L’ho acquistato e non ho sbagliato, ecco perché.

La trama in breve

Leo non ha una vita particolarmente entusiasmante: ha perso due dita di una mano quando era ragazzino e lavora al MU.CO (Museo di Arte Contemporanea, rigorosamente inventato) di Varese, che ospita le opere più scadenti dei grandi artisti. Ha però una fidanzata di cui è perdutamente innamorato, che però è molto cattolica e non vuole “consumare” prima del matrimonio. Lui fa buon viso, fino a quando non la scopre a letto con un super modello. Allora, per vendicarsi nei confronti della sua cattolicissima ex, decide di infrangere tutti e 10 i comandamenti… a modo suo. Parte dunque una serie di esilaranti peripezie.

Perché leggerlo

1 È fondamentalmente esilarante. In “Dente per dente” è tutto surreale, ma d’altronde non potevamo né volevamo aspettarci altro: il protagonista è buffo, il suo amico è ancora più buffo e le situazioni in cui Leo viene catapultato sono ancora più buffe. Si ride, e tanto, anche grazie all’ironia corrosiva con cui l’autore descrive Leo e la fidanzata, due persone che non potrebbero essere più diverse (per fortuna di Leo, oserei dire).

2 È un libro per tutti: scritto bene, molto leggibile, le sue poco più di 200 pagine scivolano via come un bicchier d’acqua mentre si è impegnati a leggere le improbabili avventure di Leo.

3 Leo è il classico antieroe che non può che ingraziarsi la simpatia del lettore, e l’autore costruisce bene il libro proprio intorno a questo personaggio, con qualche sfumatura politicamente (e religiosamente) scorretta. Leo ha perso due dita da piccolo, è il classico “sfigato”, ha un lavoro che non lo soddisfa in un posto oggettivamente brutto, mentre la fidanzata per contro è la classica ricca viziata con il “papi” spaccone e qualche chilo di ipocrisia di troppo. Insomma, se ci pensiamo sono i tradizionali ingredienti di una commedia che non smette mai di stancare.

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Tra Dickens, la Sirenetta...

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo...

Derive e burnout del...

"La lavoratrice" della spagnola Elvira Navarro (2019, nell'efficace traduzione...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...
Un uomo esilarante catapultato in una serie di situazioni ancora più esilarantiLa divertente vendetta di "Dente per dente" di Francesco Muzzopappa