“Le dodici domande” di Vikas Swarup: da questo libro il film pluripremiato “The Millionaire”

SUL LIBRO

Uno spaccato dell'India di oggi raccontato, con un ingegnoso escamotage, dalla voce scanzonata e fresca di un 18enne vincitore per caso di un famoso quiz televisivo

Tempo di lettura: 2 minuti

Come sempre, quando guardo un film che mi piace e scopro che è tratto da un libro, non resisto alla tentazione di leggerlo. In genere è una tecnica che mi piace molto di più rispetto a guardare un film tratto dal libro (e in genere è deludente perché la versione cinematografica per forza di cose è tagliata e ridotta). Quando prima guardo il film, invece, non potrò che essere arricchita dalla lettura del libro.

Così è andata con “Le dodici domande” di Vikas Swarup (2005, io avevo comprato anni fa la versione edita da Tea, adesso credo sia stampato da Guanda), da cui è stato tratto un bel film nel 2008, “The Millionaire”, vincitore di 8 premi Oscar, 7 British Academy Film Awards e 4 Golden Globe.

La trama in breve

Ram Mohammad Thomas se l’è proprio andata a cercare, gli anziani della baraccopoli di Mumbai glielo dicono sempre: mai tentare di oltrepassare il confine che separa il mondo dei ricchi da quello dei poveri. Specialmente se a farlo è un ragazzo di appena 18 anni, un paria incolto che al massimo può aspirare a lavorare come domestico, e che è riuscito a vincere un miliardo di rupie rispondendo correttamente a tutte le domande di un quiz televisivo (l’equivalente del nostro “Chi vuol essere milionario”). A pensarla così sono anche i produttori del programma che lo hanno fatto arrestare sospettando che abbia barato in qualche modo. Eppure Ram è innocente: ma allora com’è riuscito, lui, un ragazzo che non è andato a scuola e non legge i giornali, a rispondere correttamente a tutte quelle difficili domande? Questo dovrà spiegarlo alla polizia e a una sconosciuta che vuol essere il suo avvocato difensore.

Tre buoni motivi per leggerlo

1 Perché la storia di Ram ne racconta altre mille: la sua vita rocambolesca da vagabondo lo ha portato, per pura coincidenza, a conoscere le risposte delle domande del quiz attraverso tutte le sue esperienze. Ogni capitolo è strutturato in modo da svelare tutto gradualmente, con il titolo che riporta la domanda del quiz e il montepremi, come un puzzle fatto di episodi dell’appassionante vita del ragazzo che via via si compone, svelando alla fine il suo disegno.

2 Perché, tramite le variegatissime esperienze di Ram, l’autore traccia uno spaccato dell’India di oggi, della sua società tra modernità, tradizioni e contraddizioni, in cui convivono lo sfavillante mondo di Bollywood e le misere baraccopoli: una storia dolceamara, comica e drammatica. Non sbaglia chi lo ha definito una sorta di “Oliver Twist” indiano.

3Perché è scritto molto bene ed è estremamente leggibile, adatto a tutti. Sono meno di 300 pagine unite da un ritmo incalzante, raccontate dal protagonista 18enne con voce scanzonata e fresca, a volte al limite dell’incosciente: insomma, si inizia a leggerlo e viene voglia di continuare senza fermarsi fino alla fine.

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Tra Dickens, la Sirenetta...

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo...

Derive e burnout del...

"La lavoratrice" della spagnola Elvira Navarro (2019, nell'efficace traduzione...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...
Uno spaccato dell'India di oggi raccontato, con un ingegnoso escamotage, dalla voce scanzonata e fresca di un 18enne vincitore per caso di un famoso quiz televisivo"Le dodici domande" di Vikas Swarup: da questo libro il film pluripremiato "The Millionaire"