Le notizie e la verità prima di internet: “L’esclusiva” di Annalena McAfee

SUL LIBRO

Una storia ricca di scene esilaranti e piene di ritmo e attraversata da una suspense crescente

Tempo di lettura: 2 minuti

“L’esclusiva” di Annalena McAfee (Einaudi, 2012) è l’opera prima di un’autrice che per trent’anni ha lavorato nella carta stampata. Uscito in Inghilterra nel 2011 sembra, oggi, un libro allo stesso tempo profetico e “archeologico”, nel senso che fa riemergere un passato dimenticato. Quello in cui non c’erano ancora i social network, i giornali di carta si riempivano di inserti e gadget per attrarre i lettori e il web era una cosa per nerd che nessuno pensava avrebbe avuto un futuro. Sono passati solo dodici anni, ma sembrano secoli.

La trama in breve

Honor Tait è stata una grande reporter. Ha vinto un Pulitzer, ha raccontato la liberazione dei campi di concentramento, intervistato Francisco Franco e raccontato le tragedie del ‘900. Il suo terzo marito è appena morto, la raccolta definitiva dei suoi pezzi sta per essere stampata e il suo editore le ha fissato un’intervista con l’inserto culturale di un tabloid. A scriverla dovrà essere la giovanissima Tamara Sim, specialista in classifiche di stramberie delle celebrità. L’incontro tra le due è un disastro e per Tamara inizia un lungo calvario per tirare fuori uno scoop brillante da una vita che le appare solo noiosa. Questo la porterà a scavare nella vita di Honor Tait, per trovare qualche scabroso segreto da dare in pasto ai lettori. Un duello generazionale giocato sul filo di quel concetto fragile e decisivo che è la verità.

Tre buoni motivi per leggerlo

“L’esclusiva”, attraverso un intrigo divertente e grottesco, racconta il passaggio da un mondo a un altro: il nostro. Oltre a questo ci sono altri buoni motivi per leggerlo oggi.

1Le due protagoniste non potrebbero essere più diverse. Honor Tait è colta, impegnata, implacabile, brillante; Tamara Sim è superficiale, scapestrata, ossessionata da un successo che non arriva mai. Ma se le guardiamo da un altro punto di vista, Honor è l’élite radical chic che guarda dall’alto in basso una precaria (con un fratello tossicodipendente) che nella sua ansia di rivincita sfocia nel rancore. L’abilità della McAfee è di non scegliere mai la via facile della conciliazione tra questi due mondi: troppo lontani sono destinati solo a scontrarsi e a precipitare nelle incomprensioni e negli equivoci. Anche i peggiori e i più fatali.

2La descrizione del mondo del giornalismo fatto ne “L’esclusiva”, intriso di autentico humor nero britannico descrive un mondo che spesso non conosciamo, anche se lo frequentiamo tutti i giorni. Le miserie del quarto potere sembrano più delle glorie, e le vendite attraverso il sensazionalismo sembrano contare molto di più dei reportage e degli approfondimenti. Leggendo ci si trova a chiedersi spesso come sarebbe stata questa storia ai nostri tempi, con le fake news che imperversano e l’attenzione morbosa alla vita privata delle persone di cui vivono ai social network. Quello che si giocano l’anziana e la giovane cronista è, in sostanza, la reputazione. La loro, e della loro professione. Ma alla fine a scegliere siamo sempre noi, i lettori. Noi che chiediamo spesso la verità sbagliata.

3La storia è ricca di scene esilaranti e piene di ritmo e attraversata da una suspense crescente. Il primo terzo del romanzo, l’intervista di Tamara a Honor, sembra un dialogo teatrale e l’ultimo incalza il lettore e lo conquista con colpi di scena a ripetizione. Il finale, poi, non solo non delude, ma dà la vera chiave di lettura di tutto il romanzo: sensazionale, ma nel modo migliore.

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...
Una storia ricca di scene esilaranti e piene di ritmo e attraversata da una suspense crescenteLe notizie e la verità prima di internet: "L'esclusiva" di Annalena McAfee