Giornata della Donna: 5 autrici del panorama contemporaneo da leggere

Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione della Giornata della Donna, che era ieri, ma con il proposito di parlarne sempre – perché sia davvero l’8 marzo tutto l’anno – ho pensato a cinque autrici che ho incontrato di recente, oppure che leggo da anni, e che mi sono rimaste particolarmente impresse. Alcune – come Teresa Ciabatti – sono state per me una vera piacevole sorpresa, mentre altre, è il caso di Bianca Pitzorno, sono una garanzia da anni, si può proprio dire da quando sono piccola.

Ecco allora la mia ‘top 5’ con cinque autrici del panorama contemporaneo da leggere, diversissime tra loro per temi e stili, ma unite – a mio parere – da un talento eccezionale e fuori dagli schemi. Autrici che grazie alle loro opere hanno contribuito a parlare della questione femminile, con protagoniste impegnate nella ricerca di se stesse e nella lotta contro pregiudizi e ingiustizie.

1 Amelie Nothomb: il suo stile è unico e inconfondibile, e i suoi libri, spesso brevi e veloci da leggere, ricchi di dialoghi botta-e-risposta, sono veri e propri caleidoscopi di emozioni e suggestioni. Le sue eroine sono personaggi dalle molteplici sfumature, coraggiose, sfacciate, riflessive, esplosive.

2 Samanta Schweblin: inquietante senza mai scadere nello splatter o nel banale. Quello della Schweblin è un talento vero: sa fare paura (soprattutto in “Distanza di sicurezza”), sa far riflettere sul rapporto tra umano e tecnologia (soprattutto in “Kentuki”), e ti incolla alle pagine.

3 Elena Ferrante: è ormai conosciutissima ma di lei non ne abbiamo davvero mai abbastanza. Dopo il successo de “L’amica geniale”, ora anche una serie tv, dovrà consegnarci gli altri volumi de “La vita bugiarda degli adulti” che promette altrettanto bene. E anche questa saga diventerà una serie.

4 Teresa Ciabatti: sorprendente, l’avevo lasciata quando ero ragazzina con “Adelmo torna da me” e l’ho ritrovata donna matura e determinata con “Sembrava bellezza”, memorie di un’antieroina insoddisfatta e invidiosa, scritte come un flusso di coscienza e un registro che cattura.

5 Bianca Pitzorno: la narrazione è come una boccata d’aria fresca con questa autrice sempre contemporanea sia nello stile sia nei messaggi, qualunque cosa scriva. Si va da “Ascolta il mio cuore” e altri classici per ragazzi ai più recenti “Il sogno della macchina da cucire” e “Sortilegi” per adulti.