Un esordio dirompente: perché “Quantum girl” di Erin Kate Ryan è un capolavoro

SUL LIBRO

Un romanzo a scatole cinesi, dove il postmodernismo e la tradizione si fondono in un brillante capolavoro

Tempo di lettura: 2 minuti

La collana “Bloom” di Neri Pozza ormai è una garanzia, ma con “Quantum girl” l’esordio della scrittrice americana Erin Kate Ryan, siamo di fronte a qualcosa di dirompente. Anche grazie all’ottima traduzione di Irena Trevisan, il pubblico italiano può godere di questo romanzo a scatole cinesi, dove il postmodernismo e la tradizione si fondono in un’opera che si spera abbia l’attenzione che merita. Perché siamo di fronte a un capolavoro.

La trama in breve

Il primo dicembre 1946 la diciottenne studentessa di college Paula Jean Walden scompare per sempre. Diventa una ragazza quantica, ovvero di cui si possono ipotizzare infinite vite possibili. Può essere quindi diventata Mary Garret, che nel 1961 arriva in una piccola cittadina del North Carolina per usare la sua vista e trovare una ragazza scomparsa. Mary ha già trovato altre ragazze con le sue visioni, che forse le sono donate dal suo essere una ragazza scomparsa. Il suo nuovo caso però è particolare, perché deve cercare una donna che si chiama come lei (Paula), perché lo sceriffo e i maschi della famiglia di Paula sono ostili, perché le ragazze da cercare sono tre e due di colore, di cui nessuno si è interessato. Questa storia si intreccia con altre possibili versioni di Paula Jean, una vera e propria una, nessuna e centomila. E tutte le Paula Jean hanno due cose in comune: un dramma privato e segreto e un nemico, la violenza maschile.

Tre buoni motivi per leggerle “Quantum Girl”: la recensione

Una storia che si può leggere come un mistery ma che è molto, molto di più e ha un numero quantico di buoni motivi per leggerla.

1 Nei ringraziamenti dell’autrice non stupisce il riconoscimento di un debito verso Italo Calvino. La struttura narrativa di “Quantum girl” deve molto a “Se una notte d’inverno un viaggiatore”: sentieri di trame che si biforcano in continuazione. Ma Ryan fa girare questo schema intorno a un’idea narrativa particolare: Paula Jean è sparita per un dolore, e questo dolore è dato a sua volta da un’altra scomparsa, quella della sua amante proibita. Così Paula Jean è fuggita per essere libera di vivere la sua diversità, e per cercare Wise. Tutte le versione di Paula Jean fuggono, con o senza successo, dalla repressione maschile, da padri che ingaggiano detective o impongono la reclusione o l’elettroshock. Mary/Paula, con la sua vista, non cerca solo tre ragazze scomparse, ma tutte le ragazze che sono scomparse senza volerlo. Che non sono riuscite a fuggire.

2Oltre a Italo Calvino, Erin Kate Ryan riesce a calare una struttura postmoderna – che a tratti ricorda molto Paul Auster – in atmosfere claustrofobiche simili a quelle di Carson McCullers e Flannry O’Connor. “Quantum girl” è un romanzo che ti inchioda alla sua tensione mentre mette a nudo con spietato realismo la società che descrive, le sue persistenti forme di violenza. Per essere un’opera prima è pervasa da un controllo strabiliante sulla materia narrativa: si legge facilmente affascinando per la sua complessità.

3C’è una delle versione possibili di Paula Jean, quella dove lei conosce e infine sostituisce, anche letterariamente, la scrittrice del libro che era stato galeotto per lei e Wise, in cui il gioco di specchi della Ryan è pura magia, autentico piacere del testo: perché il vero oggetto quantico di cui parla il libro è la libertà di definire la propria storia, di essere autrici della propria vita, perché nella scrittura siamo al limite estremo della nostra esistenza, e siamo veri. Adesso Erin Kate Ryan ha una grande sfida di fronte: ripetersi. Ma intanto “Quantum girl” lo ha scritto.

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...
Un romanzo a scatole cinesi, dove il postmodernismo e la tradizione si fondono in un brillante capolavoroUn esordio dirompente: perché "Quantum girl" di Erin Kate Ryan è un capolavoro