“Questo post è stato rimosso” di Hanna Bervoets: l’alienante mondo dei moderatori di contenuti social

Tempo di lettura: 2 minuti

“Questo post è stato rimosso” di Hanna Bervoets (Mondadori, 2022) mi ha colpita da subito per la tematica trattata: non solo i social e il loro lato oscuro, ma il mondo che c’è dietro. E allora cosa c’è dietro? Certo, geniali programmatori e imprenditori spregiudicati e ricchissimi, ma anche un esercito di “disperati” pagati male e assistiti psicologicamente ancora peggio che fanno quello che gli algoritmi non sempre riescono a fare: valutare la rimozione di potenziali contenuti non in linea con il regolamento. E qui si apre davvero un baratro. C’è qualche possibilità di redenzione?

La trama, in breve

Essere un moderatore di contenuti significa vedere l’umanità al suo peggio, ma Kayleigh ha bisogno di soldi. Ecco perché accetta un incarico per una piattaforma di social media di cui non le è permesso fare il nome. La sua responsabilità consiste nell’esaminare video e foto offensivi, sproloqui e teorie cospirative, e decidere quali debbano essere rimossi. È un’attività estenuante. Kayleigh e i suoi colleghi trascorrono le giornate guardando le cose più orribili sui loro schermi, e valutandole secondo le linee guida dell’azienda, che cambiano in continuazione. Quando i colleghi crollano uno dopo l’altro, quando Sigrid diventa sempre più distante e fragile, quando i suoi amici cominciano a sposare le stesse teorie cospirazioniste che dovrebbero valutare, Kayleigh si chiede se quel che fanno non sia troppo per loro.

Tre buoni motivi per leggerlo

Ecco tre considerazioni su questo libro:

1 È una storia decisamente disturbante e potente, ambientata nel mondo tossico dei moderatori di contenuti: passiamo molta parte del nostro tempo sui social, tanto spesso che ci lasciamo influenzare da quello che vediamo, ma chi è che lo determina? Con quali regole? In questo mondo dalla moralità sempre così fluida e border line, anche i più banali concetti di l’etica rischiano di capovolgersi nella mente dei moderatori, costretti a vedere continuamente contenuti di un certo tipo fino a smarrire se stessi e le loro convinzioni.

2 Il libro è breve ma intenso, poco più di 100 pagine scritte magistralmente da Hanna Bervoets, classe 1984, una delle autrici olandesi più acclamate della sua generazione e che ha ricevuto numerosi premi. Nei Paesi Bassi è stata nominata autore della Settimana del Libro nel 2021, importante evento creato per promuovere la letteratura olandese: è stato per questa occasione che ha scritto il romanzo breve “Questo post è stato rimosso”.

3 È un libro che parla di un tema molto interessante: l’alienazione sul posto di lavoro. Siamo nel 2022, eppure è un tema che ritorna (è bene specificare che la storia è inventata, ma il contesto no ed è frutto di un lavoro di ricerca da parte dell’autrice). Siamo sicuri che la tecnologia sia un aiuto? Siamo sicuri che venga fornita un’assistenza psicologica adeguata per mansioni come quella della protagonista? Siamo sicuri che siano lavori ben retribuiti e che i carichi siano umanamente e psicologicamente sostenibili?

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Tra Dickens, la Sirenetta...

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo...

Derive e burnout del...

"La lavoratrice" della spagnola Elvira Navarro (2019, nell'efficace traduzione...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...
"Questo post è stato rimosso" di Hanna Bervoets (Mondadori, 2022) mi ha colpita da subito per la tematica trattata: non solo i social e il loro lato oscuro, ma il mondo che c'è dietro. E allora cosa c'è dietro? Certo, geniali programmatori e imprenditori..."Questo post è stato rimosso" di Hanna Bervoets: l'alienante mondo dei moderatori di contenuti social