Lusso, ansia e contraffazione: “Superfake” di Kirstin Chen

SUL LIBRO

Prendete il famoso film "Il diavolo veste Prada", mescolatelo con le serie "Inventing Anna" e "Big Little Lies", aggiungete un pizzico di "Ocean 12" e avrete qualcosa che si avvicina a "Superfake": una storia fashion e inquietante che svela molti segreti che si celano nei nostri armadi

Tempo di lettura: 2 minuti

Viviamo in un mondo dove i gusti e i consumi sono dominati dai grandi marchi e la produzione di ciò che indossiamo avviene molto lontano dai nostri centri commerciali e igli outlet. É un mondo che ci è familiare, perché il lusso condiziona anche i desideri di chi ha disponibilità economiche più limitate, alimentando il grande mercato delle copie e dei falsi. In questo scenario globalizzato è ambientato l’ultimo romanzo dell’affermata scrittrice asioamericana nata a Singapore Kirstin Chen, “Superfake” (Neri Pozza, 2023, nella brillante traduzione di Roberta Scarabelli). Una storia fashion e inquietante che svela molti segreti che si celano nei nostri armadi.

La trama, in breve

Il libro inizia con una donna che sta confessando a un detective la sua discesa nel crimine. Ava, sino americana, conduceva una vita agiata in California e le sue uniche preoccupazioni erano il suo bambino particolarmente agitato, un marito in carriera e assente e l’aver rinunciato al suo lavoro di avvocato per la famiglia. Sembrava destinata alla noia o alla depressione quando viene contattata da Winnie Fang, una sua compagna di università che fu espulsa per esami truccati. Una ragazza impacciata e destinata al fallimento, diventata bellissima, ricchissima ed elegantissima. Ce l’ha fatta: gestendo, per conto di Boss Mak, un traffico di borse di lusso contraffatte in Cina. Con diversi trucchi Winnie convince Ava a diventare sua complice trascinandola in un mondo tanto redditizio quanto pericoloso. Ma chi è, davvero, Winnie Fang?

“Superfake” è un libro con grande ritmo e divertente, allo stesso tempo glamour e spiazzante, disseminato di inganni e di sorprese e che merita di essere letto per almeno tre buoni motivi.

1. Il diavolo smercia Prada

Prendete il famoso film “Il diavolo veste Prada“, mescolatelo con le serie “Inventing Anna” e “Big Little Lies“, aggiungete un pizzico di “Ocean 12” e avrete qualcosa che si avvicina a “Superfake”.

Ambientata in California, in Cina e Hong Kong, questa è la storia di una grande truffa basata sul mercato ipertrofico della moda di lusso e su un’industria che per risparmiare sul costo del lavoro produce le sue borse nelle stesse fabbriche in Cina. In un mondo dove la merce e le apparenze  sono una religione con i suoi santuari – gli outlet, i grandi magazzini e le foto sui social – Winnie e Ava sono false/fake sacerdotesse in cui molti non solo vogliono, ma hanno bisogno di credere.

2. L’insostenibile ansia del successo

Le due protagoniste sembrerebbero unite solo dalla loro comune origine asiatica. Ma quando l’affermata ma depressa Ava incontra la spregiudicata ma libera Winnie, trovano un punto di incontro nella loro fama di successo, nel loro desiderio irrefrenabile non solo di integrarsi nel sogno americano ma di dominare quel sogno. Per questo sono disposte a tutto: non solo a smerciare borse false, ma a falsificare sé stesse.

Raccontando la loro storia Kirstin Chen riesce a rappresentare sia la pressione a cui la società dei consumi sottopone gli outsider, sia il vero volto di questa società: una falsità strutturale, dove si è tutti outsider e l’originale e la copia si distinguono solo per l’etichetta del prezzo.

3. Il mondo sugli scaffali 

Se l’America dove i genitori si combattono per assicurare ai figli il miglio asilo privato è un paesaggio culturale di cui abbiamo visto e letto molto, della Cina fabbrica del mondo abbiamo solo idee vaghe. “Superfake” apre uno spiraglio su questo mistero grazie ai viaggi di Ava e Winnie, scoprendo che quando l’avidità distrugge ogni tradizione e ogni legame sociale, tutte le città e tutte le società finiscono per essere scaffali in cui troviamo ovunque gli stessi prodotti: un mondo di copie dove esiste solo l’eterna ripetizione del superfake e l’unica strada per il successo è fingere meglio degli altri.

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

I film di culto...

Quentin Tarantino non è solo un grande regista, tra...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

“Manifesto Criminale”: perché non...

Credo che amerei un libro di Colson Whitehead anche...

Halloween: da Edgar Allan...

"Una tetra mezzanotte", "La maschera della morte rossa", "I...

Schegge di paura: tre...

Ci sono molti modi per passare una notte da...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...
Prendete il famoso film "Il diavolo veste Prada", mescolatelo con le serie "Inventing Anna" e "Big Little Lies", aggiungete un pizzico di "Ocean 12" e avrete qualcosa che si avvicina a "Superfake": una storia fashion e inquietante che svela molti segreti che si celano nei nostri armadiLusso, ansia e contraffazione: "Superfake" di Kirstin Chen