Tre buoni motivi per leggere ‘L’astemio’ di Ian McGuire

SUL LIBRO

Tra le migliori ultime 40 pagine che io abbia mai letto

Tempo di lettura: 2 minuti

‘L’astemio’ di Ian McGuire, pubblicato da Einaudi, si inserisce in un genere che potremmo definire “giallo storico”, romanzi in cui la riscostruzione di un periodo storico è altrettanto importante, se non più importante, della trama poliziesca. Pensiamo alla New York degli anni quaranta e cinquanta dell’Ottocento di Lindsay Faye (‘Il dio di Gotham’ e ‘Il segreto di Gotham’) ma anche alla serie del Commissario De Luca di Carlo Lucarelli. In questo solco McGuire si caratterizza per la forza realistica della sua scrittura, che lo rende un autore davvero particolare.

La trama, in breve: Manchester, 1867. L’agente capo James O’Connor si sta giocando la sua ultima possibiità, dopo aver compromesso la sua carriera a Dublino per l’abuso di alcool. Ora è astemio e il suo compito è contrastare i feniani, sostenitori dell’indipendenza irlandese. Dopo che tre di questi sono stati impiccati arrivano in città, dall’America, il reduce della guerra di successione Stephen Doyle e il giovane nipote di O’Connor, Michael Sullivan. Il primo è arrivato per seminare il terrore, il secondo finirà per diventare un informatore della polizia. La sfida tra O’Connor e Sullivan si svolge nell’odio e nella diffidenza per etrambi da parte della polizia inglese, in una città avvolta nella nebbia e nel fumo delle ciminiere, dove la vendetta conta molto di più della giustizia.

Ecco tre buoni motivi per leggere ‘L’Astemio’, un libro ad altissima gradazione:

1Il problema di molti ‘gialli storici’ è la debolezza della trama poliziesca, così che spesso ci si chiede se non fosse meglio scrivere direttamente un romanzo storico. McGuire non corre questo rischio: il ritmo serrato del romanzo è all’altezza dei classici della scuola dei duri e la metropoli la fa ovviamente da padrona. La Manchester industriale de ‘L’astemio’ è degna della migliore letteratura sociale. Mentre leggerete vi sentirete sporchi di carbone e del degrado degli slum in cui viveva la classe operaia dell’epoca. Questo è un poliziesco perchè la società che descrive è violenta e ha bisogno di una polizia che provi almeno a controllarla. Ma ‘ladro è chi rapina la banca, o chi ‘ha costruita?’: i confini sono labili, soprattutto a Manchester, nel 1867.

2Come per Lindsay Faye l’ambientazione ottocentesca permette di portare alla luce gli albori di un grande fatto sociale: lo scontro tra cattolici irlandesi e protestanti inglesi per l’indipendenza dei primi della corona. Ma McGuire va oltre, portandoci anche nell’America della Guerra Civile e dell’immigrazione europea, realizzando un affresco storico che, nella brevità del libro, risulta di grande efficacia. Siamo abituati a ricordare il XIX Secolo come un secolo di splendente eroismo. Era un secolo duro, spietato e McGuire ce lo restituisce con la precisione di uno storico e il senso del racconto di un grande romanziere.

3I migliori hard boiled sono quelli che riescono a non avere indulgenza per i propri personaggi. Se cercate il giallo classico ad enigma, questo libro non fa per voi. Ma se amate Chandler, Hammet o il primo Ellroy non potete prescindere da McGuire. Il pregio di questo autore è quello che ogni volta che voi vi aspettereste un raggio di luce, lui inscurisce le tenebre.  O’Connor e Sullivan sono due antieroi maledetti e due antagonisti di grande effetto e il finale del libro ricorda le atmosfere di Cormac McCarthy di ‘Non è un paese per vecchi’ e quelle di ‘Django unchained’ di Quentin Tarantino. Rasentando la perfezione: tra le migliori ultime 40 pagine che io abbia mai letto.

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...
Tra le migliori ultime 40 pagine che io abbia mai lettoTre buoni motivi per leggere 'L'astemio' di Ian McGuire