Distopia ma non troppo: “Tokyo soundtrack” di Furukawa Hideo

SUL LIBRO

In una Tokyo che si tropicalizza si incrociano i destini di personaggi particolari: Hitsujiko è una Sailor Moon punk e anarchica; Lemi è una Ranma ½ implacabile e Touta è un samurai del XXI secolo

Tempo di lettura: 2 minuti

Lo scrittore giapponese Furukawa Hideo ha scritto “Tokyo soundtrack” nel 2003, ambientandolo nel 2009. Il romanzo è pubblicato in Italia nel 2018 da Sellerio, nella bella traduzione di Gianluca Coci, e leggendola nel 2024 è quasi incredibile vedere quante profezie dell’autore si siano avverate o rischino di avverarsi.

Ma questo è solo uno dei motivi di interesse di un’opera multiforme, magmatica e dai toni decisamente pulp-pop. Un romanzo che a volte sembra un manga, a volte un video musicale, a volte un video gioco, a volte un film, spesso tutte queste cose insieme.

La trama, in breve

Difficile condensare 784 pagine piene di cose, ma la trama, in certi sensi, coincide con i protagonisti, che sono cinque. Innanzitutto Touta e Hitsujiko, due bambini che per caso si trovano entrambi naufraghi sulla disabitata Isola delle Capre. Sopravvivono e quando vengono trovati sono trattati come fratelli, anche se il loro legame è ben più forte, anche quando verranno separati. Sull’isola turistica dove vengono cresciuti lei trova una famiglia adottiva che la porta a Tokyo, lui è troppo irrequieto e a Tokyo ci andrà più avanti, da solo.

Ed è Tokyo, la terza protagonista: una città che si sta tropicalizzando, stretta nella morsa del caldo e delle epidemie. Una città dove milioni di immigrati vivono in baraccopoli o sottoterra e i giapponese organizzano ronde per difendere i quartieri. In questi spazi si muove Lena, immigrata libanese che può cambiare genere a piacimento, ragazzo o ragazza. Lena è in caccia: deve vendicare il suo amico corvo, il quinto protagonista, a cui hanno ucciso la compagna. La sua strada incrocia quella di Touta e intanto Hitsujiko, che sa usare la danza come un’arma distruttiva, ha raccolto intorno a sé tre studentesse della sua scuola cattolica per sfidare e sconfiggere chi vuole trasformare Tokyo in una città inospitale e violenta. Tre ragazzi, una città e un corvo che incrociano i destini con tanti altri personaggi altrettanto indimenticabili.

“Tokyo soundtrack” è un romanzo impegnativo per le sue dimensioni ma così pieno di idee, situazioni e sorprese da valere (almeno) tre ottimi motivi per leggerlo.

 1. Giovani ribelli in una Tokyo pre apocalittica 

Nella cultura pop giapponese il tema post apocalittico è sempre stato molto presente, da Ken il Guerriero ad Akira, passando per Godzilla. In “Tokyo Soundtrack” siamo agli albori di un’apocalisse possibile, in una città stretta tra il cambiamento climatico e la crisi di società opulenta che ha bisogno dei migranti ma li rifiuta (vi ricorda qualcosa?). Ma il vero punto di forza della storia di Hideo sono i suoi antieroi: una ragazza, un ragazzo e un ragazzo/ragazza che grazie alla loro capacità di stringere alleanze, di non rimanere da soli, si ribellano e dai margini sferrano un attacco implacabile al centro delle cose.

Hitsujiko è una Sailor Moon punk e anarchica; Lemi è una Ranma ½ implacabile e Touta è un samurai del XXI secolo. In un paese come il Giappone, dove si protesta molto poco, i protagonisti di Furukawa Hideo sono un’autentica sfida: vinta.

2. Una scrittura che sembra una colonna sonora

La musica è importantissima, in questo libro. Perché Touta è incapace di capire la musica, come scopre il suo insegnante quando prova a fargli sentire la sua collezione di cassette su cui sono registrati i rumori di Tokyo (le Tokyo soundtrack/tracce, appunto) e Hitsujiko trasforma in un’arte marziale collettiva e inarrestabile la sua capacità di danzare. Ma è la scrittura di Furukawa Hideo ad essere estremamente musicale, con continui cambi di ritmo. Una scrittura che sa rallentare e poi accelerare, preparare la tensione e quindi farla deflagrare per poi riportarla a una speciale armonia. Così ogni personaggio ha la sua melodia e il romanzo è come una playlist in cui il lettore può scegliere i propri brani preferiti. Il mio è quello che coincide con il capitolo in cui si forma la crew di Hitsujiko: quattro personaggi femminili che meriterebbero un film tutto pe loro.

3. La forza liberatoria del caos 

Furukawa Hideo è uno scrittore molto particolare nel panorama giapponese. Anche se si ritrovano molti elementi comuni alla tradizione (filoni narrativi densi e importanti che si interrompono di colpo e un finale molto aperto), ciò che lo contraddistingue è un caos che non è confusione ma ricchezza. Come i suoi personaggi, l’autore è libero, irriverente, anticonvenzionale e affronta questioni complesse come le migrazioni nel mondo globale, il clima e l’identità di genere. In un periodo in cui il romanzo occidentale sembra aver abbandonato ogni velleità sperimentale per dedicarsi al realismo, Hideo mette il fantastico al potere, proprio dove i lettori si aspettano di trovarlo.

 

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

La trilogia de “Il...

La fantascienza sta vivendo un nuovo periodo d'oro. Un...

La solitudine dei fan...

La casa editrice e/o ha portato in Italia il...

Ecco i migliori 100 libri degli ultimi 25 anni secondo il New York Times

Un articolo senz'altro da non perdere per tutti i booklover è quello uscito sul New York Times che parla dei 100 migliori libri di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Olimpiadi Parigi 2024: i libri da leggere per prepararsi alle gare più attese

Venerdì 26 luglio si terrà la cerimonia di apertura della 33esima Olimpiade di Parigi: per 17 giorni gli occhi del mondo saranno sulla Ville...

Tre buoni motivi per leggere “La verità sul caso Harry Quebert” di Joël Dicker

Colpi di scena e suspense in un libro in cui nulla è come sembra Questo è un altro di quei casi in cui ho visto...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Che meraviglia i libri con testo originale a fronte

I libri con testo originale a fronte possono rappresentare una meravigliosa indecisione: non sai mai se leggere la traduzione in italiano, per ovvi motivi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

Caso Chiara Ferragni: 4 libri per capire cosa succede e analizzare il mondo degli influencer

Una premessa doverosa: non ci occupiamo di gossip, dunque quello che vi proponiamo non è un articolo che parla di pettegolezzi su Chiara Ferragni....
In una Tokyo che si tropicalizza si incrociano i destini di personaggi particolari: Hitsujiko è una Sailor Moon punk e anarchica; Lemi è una Ranma ½ implacabile e Touta è un samurai del XXI secoloDistopia ma non troppo: "Tokyo soundtrack" di Furukawa Hideo