Tre buoni motivi per leggere “Acido solforico” di Amelie Nothomb

Tempo di lettura: 1 minuto

5 out of 5 stars (5 / 5) Una distopia sulla spettacolarizzazione dei sentimenti e del dolore, e sul valore della memoria


Va bene, va bene, forse vi sarete accorti che mi piace un po’ la Nothomb, ma è più forte di me: quella scrittura che nasconde sempre una sottile ironia, quei botta e risposta surreali di gente che è capace a tenersi testa, e quelle tematiche importanti affrontate con leggerezza mi affascinano molto.

“Acido solforico” (Voland, 2005) è un libro molto particolare, ecco la trama: in un futuro non troppo lontano, spopola il reality show “Concentramento”. I partecipanti sono scelti a caso tra la popolazione, rapiti in raid e chiusi in un campo di concentramento, con tanto di “kapò” e tutto il necessario per ricreare l’orrore dei lager nazisti, comprese esecuzioni decise in seguito dal pubblico per aumentare lo share. In tutto ciò, l’amore-ossessione della guardia Zdena per la prigioniera CKZ114. Ecco due motivi per leggerlo:

1 Letta la trama, può sembrare un mattone tragico e insopportabile. Beh vi assicuro che non è così: come ho già scritto sopra, la Nothomb (forse anche grazie alla sua meravigliosa capacità di sintesi, i suoi libri sono sempre molto brevi) riesce a trattare tematiche importanti e anche grottesche con leggerezza e ironia, senza per questo sminuire il messaggio finale.

2 Aspetta aspetta, un reality show della morte ambientato in un futuro distopico: dove l’abbiamo già sentita questa storia? Ma certo, sono gli “Hunger Games“. Quest’ultima saga, però, è stata pubblicata 3 anni dopo, nel 2008, e con molte sostanziali differenze. La prima è che “Acido Solforico” non è un libro per ragazzi o un young adult, e non ci sono eroine buone che fomentano la ribellione contro il sistema cattivo riducendo il tutto a una battaglia protagonisti vs. antagonisti. Se lo farei leggere nelle scuole? Sì.

3 Perchè vengono i brividi a pensare che questo futuro è troppo vicino, e che non sono affatto sicura che il grande pubblico sarebbe disposto a indignarsi per un reality show come questo.

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...