Tre buoni motivi per leggere “Il medico di corte” di Per Olov Enquist

Tempo di lettura: 1 minuto

3 out of 5 stars (3 / 5) La storia forse poco nota del dramma di una ragazza costretta a sposare un re con problemi psichici nella Danimarca tentata dall’Illuminismo


Ho letto “Il medico di corte” di Per Olov Enquist (Iperborea, 2001) perché mi affascinano da sempre i romanzi storici, e perché ero rimasta colpita dal film “A Royal Affair”, tratto dal libro, con un bravissimo Mads Mikkelsen. E così, quando ho scoperto che dietro al film c’era il libro, non ho saputo resistere.

La trama, molto brevemente: è la vera storia – in forma romanzata – della principessa Carolina Matilde di Gran Bretagna, data in sposa a Cristiano VII di Danimarca, dal carattere schizofrenico e paranoico. La principessa, intelligente e acuta, sembra non trovare spazio nella rigida corte danese. Fino a quando non arriva Johann Struensee, giovane medico dalle idee illuministe, a curare il re.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1È ambientato nel XVIII secolo in una nazione spesso un po’ trascurata nei libri di storia, ovvero la Danimarca. E che succedeva in Danimarca nel ‘700? Quello che nei libri di storia spesso era riportato come: «e successe anche nel resto d’Europa». L’arrivo dell’Illuminismo, la speranza di una rivoluzione, una nuova epoca.

2 Il tema del sovrano-fantoccio, della persona debole e manovrabile al vertice, autoritaria solo in apparenza ma pronta ad essere influenzata da chi sta dietro le quinte, scatenando autentiche guerre di potere, è ancora molto attuale.

3 È anche, lo ammetto, una tenera e passionale storia d’amore imbevuta di Illuminismo, riforme e cultura. Di quelle storie realmente accadute, che parlano di persone che non intrecciano solo i cuori ma anche le idee e la mente, per cui mi piace anche di più.

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

ANTEPRIMA | “Akira Toriyama”...

Cosa succede nel momento in cui da bruchi si...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...