Tre buoni motivi per leggere “Via col vento” di Margaret Mitchell

Tempo di lettura: 1 minuto

5 out of 5 stars (5 / 5) Un capolavoro della letteratura americana e mondiale, tra storia, società e amore


Va bene, lo dico subito: “Via col vento” non è per tutti. Il film è considerato l’eterno “polpettone” da nonne, e io invece lo adoro, e così ho amato anche il romanzo scritto nel 1936 (adesso sapete con chi avete a che fare).

Ma vale decisamente la pena leggere questo libro scritto dalla Mitchell che, dopo aver lasciato gli studi, lavorò come giornalista all’Atlanta Journal e proprio in questo periodo scrisse il suo unico romanzo, diventato subito celebre (il film arrivò appena tre anni dopo) e facendo vincere il Pulitzer all’autrice. Ah, un avvertimento. Naturalmente il libro – che narra la storia intrecciata di alcuni personaggi sullo sfondo della Guerra di Secessione americana – è lungo. Non aspettatevi un romanzo breve perché questo, di certo, non lo è.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 Per i suoi personaggi vivaci e immortali. Rossella O’Hara, affascinante, capricciosa e un po’ “civetta”, con una risolutezza e un carattere forte che scoprirà di avere quando sarà costretta a crescere, allontanandosi dal frivolo e protettivo ambiente familiare, incontrando la guerra e le avversità della vita, senza abbandonare la speranza e la capacità di resistere quando tutto intorno il mondo crolla. E poi il perenne incontro/scontro con Rhett Butler, l’altro protagonista, all’apparenza un avventuriero spregiudicato, egoista e donnaiolo, ma capace di parlar chiaro, provare sentimenti onesti e un innato buonsenso.

2 Per la descrizione molto particolareggiata non solo dei fatti della Guerra di Secessione, ma della società, delle convenzioni, delle usanze, delle tradizioni, dei modi di pensare e di agire del Sud degli Stati Uniti. Insomma, un grande affresco storico.

3 Per le frasi e i dialoghi (riproposti fedelmente nel film) entrati nella storia. Sempre segnati da una vena di sensualità, pur mantenendo il ritmo molto vivace: le scene e le parole d’amore fanno ancora vibrare l’anima. Insomma, molto di più di “Domani è un altro giorno“. D’altronde, si tratta di uno dei romanzi più venduti di tutti i tempi.

 

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

“Manifesto Criminale”: perché non...

Credo che amerei un libro di Colson Whitehead anche...

Lusso, ansia e contraffazione:...

Viviamo in un mondo dove i gusti e i...

Tra Dickens, la Sirenetta...

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo...

Gli uomini della bomba...

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...