Tre buoni motivi per leggere “Internet è morto” di Gio Russo

Tempo di lettura: 1 minuto

Ho letto e apprezzato “Internet è morto”, scritto e ideato da Gio Russo, a cura di Matilde Vedove e con le illustrazioni di Guido Astolfi, pubblicato in formato e-book nella collana “#LeStoriediGioRusso” (disponibile su Amazon).

Ecco perché:

1 Per l’idea bellissima: un giorno, semplicemente, senza un motivo preciso, Internet “muore”. Nessuna connessione funziona più. Riusciremmo a sopravvivere?

2 Vengono raccontati i cambiamenti radicali nella nostra società solo nei primissimi giorni di questo “cataclisma”: suicidi, imprese che falliscono, i prezzi delle ricariche telefoniche che salgono alle stelle e ogni sms diventa un piccolo lusso. A fare da cornice, la storia di due innamorati che devono vedersi ma che per una serie di circostanze non riescono a ritrovarsi: riusciranno, senza WhatsApp e Messenger, a ricordarsi i loro “luoghi del cuore”?

3 Il testo è scorrevolissimo (a volte fin troppo colloquiale) e ironico, ed è bella l’idea di alternarlo alle illustrazioni allegoriche di Guido Astolfi (l’immagine di questo articolo è la copertina del libro).

Roald Dahl e l’intelligenza...

Avete presente quei libri che avete in casa da...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

“Sushi misto dopo l’amore”...

Se siete amanti dei racconti brevi, della letteratura giapponese,...

“La caduta della casa...

Abbiamo già parlato della serie tv Netflix "La caduta...

Schegge di paura: tre...

Ci sono molti modi per passare una notte da...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...