Addio a Cormac McCarthy: costruì un’etica attraverso la scrittura

Tempo di lettura: 1 minuto

Si è spento all’età di 89 anni lo scrittore americano Cormac McCarthy. Solo il 2 maggio è uscito in Italia “Il passeggero” (Einaudi) il primo di due volumi. Il secondo, “Stella Maris“, sarà in libreria a settembre: rimarranno gli ultimi testi di un autore che ha ottenuto un riconoscimento di massa forse ardivo, ma da sempre oggetto di un vero e proprio culto.

Soprattutto “Meridiano di sangue” e  la trilogia della frontiera – “Cavalli selvaggi”, “Oltre il confine” e “Città della pianura” hanno rappresentato per molti l’apogeo di uno scrittore capace di portare il genere western in una nuova dimensione prossima all’epica e alla tragedia classica.

Allo stesso tempo McCarthy è stato uno di quei rari autori che sono riusciti a costruire un’etica attraverso la propria scrittura. Lo si vedeva in “Figlio di Dio” (1974) e in modo altrettanto netto nelle sue due opere più famose: il post apocalittico “La strada” (Premio Pulitzer 2007 e da cui è stato tratto il film “The road”, di John Hillicoat e con Viggo Mortensen) e soprattutto “Non è un paese per vecchi”, portato sullo schermo dai Fratelli Cohen conquistando il Premio Oscar nel 2008 e ricordato anche per la straordinaria interpretazione di Javier Bardem.

McCarthy è stato uno scrittore non semplice e dalle atmosfere aride, desolate e lancinanti come i suoi deserti, ma soprattutto ha saputo esplorare con lucidità la violenza di cui è capace l’uomo, lasciando però sempre intravedere la possibilità di resistere al caos insediandosi in quei valori che definiamo civiltà. Valori sotto assedio, ma mai sopraffatti. Il suo stile è sempre stato al servizio della rappresentazione di questo conflitto: a volte scarno, ma come è scarno un fascio di nervi, ovvero in continua tensione.

Lascia un’impronta indelebile nei suoi lettori e un segno forte nella letteratura americana e mondiale a cavallo tra il XX e il XXI Secolo.

Resistere a un mondo...

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

Presentiamo l’ultimo libro di...

Dopo il grande successo dell'incontro sul meraviglioso viaggio dei...

“Povere creature!”: il film...

Sapevate che... "Povere creature!", il film di Yorgos Lanthimos...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...