L’interessante caso de “L’Alligatore” di Massimo Carlotto: dai libri alla serie tv

Tempo di lettura: 1 minuto

“L’Alligatore” dai libri di Massimo Carlotto alla serie tv: interessante.

I romanzi di Massimo Carlotto della serie Rai che ha come protagonista L’Alligatore (editi da e/o) sono tra i migliori noir italiani di sempre. Sono realistici e ‘blues’, e sono tra i pochi che descrivono il crimine del nord est, nel suo impasto di malavita, economia e repentino mutamento sociale. Sono storie che fanno emergere la “questione settentrionale” di una provincia travolta dagli sghei e dalla globalizzazione.

I film tratti dai romanzi rendono bene molti di questi elementi, soprattutto per la bravura dei tre protagonisti, Matteo Marthari, Thomas Trabacchi e Gianluca Gobbi (formatosi allo Stabile di Genova e che ricordo splendido protagonista ne ‘Lagente Segreto’ di Conrad).
Ma un grande merito va agli sceneggiatori, che hanno operato un interessante crossover delle opere di Carlotto, attingendo soprattutto ai romanzi che hanno come protagonista Giorgio Pellegrini, nato con quel ‘Arrivederci amore ciao’ che è forse il più bel romanzo di Carlotto dopo lo struggente ‘La terra della mia anima’, dedicato al “vero” Beniamino Rossini.

È sempre un poco spiazzante vedere i personaggi dei “nostri” libri sullo schermo, e soprattutto è spesso deludente. In questo caso il risultato è, soprattutto, interessante e fa sperare che la puntata di mercoledì non sia la “fine dei giochi”.

Resistere a un mondo...

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

Presentiamo l’ultimo libro di...

Dopo il grande successo dell'incontro sul meraviglioso viaggio dei...

“Povere creature!”: il film...

Sapevate che... "Povere creature!", il film di Yorgos Lanthimos...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...