Usa, quando la satira è profetica: Trump, i fatti di Capitol Hill e i libri di Dave Eggers

Tempo di lettura: 2 minuti

I fatti di Capitol Hill del 6 gennaio erano già tutti nelle caustiche pagine di “Il Capitano e la Gloria” di Dave Eggers, e il possibile finale, anche: ma non bisogna solo leggerlo, bisogna realizzarlo.

“Per i passeggeri scuotere le cose manteneva la promessa, per quanto irrazionale e indimostrata, che ogni cosa scossa, o lanciata in aria a caso, potesse essere migliore quando ricadeva”.

In questi quattro anni molto è stato scritto su Donald Trump e il trumpismo. Come tutti i fenomeni di grande rottura e impatto alla produzione saggistica si è affiancata una ricca produzione narrativa.

La politica e i costumi sociali, si sa, si prestano alla satira, da quella più immediata a quella più classica, che prende spunto da “campioni” come Laurence Sterne, Jonathan Swift e, soprattutto, Mark Twain.

Dave Eggers, tra realismo e distopia

In questo genere, che utilizza prevalentemente, il realismo o la distopia Dave Eggers ha offerto probabilmente le sue cose migliori.

Il misconosciuto gioiello ‘Se non è consentito, è obbligatorio. O dell’ottimismo’ (Minimum Fax), il toccante ‘Zeitoun’ (Mondadori) sulla New Orleans dell’Uragano Kahtrina e il celebre ‘The Circle’ (Mondandori) da cui è stato tratto l’omonimo film con Emma Watson e Tom Hanks.

“Il Capitano e la Gloria” e i fatti di Capitol Hill

Quest’estate Feltrinelli ha poi pubblicato ‘Il Capitano e la Gloria’ breve e fulminante allegoria sul trumpismo. In un mondo dove i transatlantici sono nazioni galleggianti, i cittadini del ‘Gloria’ scelgono di sostituire il saggio e onorevole capitano in pensione con un bullo con una piuma gialla nei capelli del tutto inesperto ma che dice tutto quello che gli viene in mente e insulta tutti quelli che non la pensano come lui, a partire da quei presuntuosi che sanno come si fa navigare una nave. I cittadini del ‘Gloria’ lo scelgono, nonostante la sua pessima reputazione, per il gusto di cambiare, pensando che “tanto non pò succedere niente di male e se succederà ce ne liberermo in fretta”.

Il ‘Gloria’ ha una grande tradizione: ha combattuto molte battaglie per la libertà sua e di altre navi, ed ha sempre accolto i naufraghi facendoli diventare cittadini. Questa tradizione e tutte le altre finiscono in farsa prima e in tragedia poi per colpa del Capitano e di chi l’ha voluto.

Eggers è bravissimo, in poche pagine dense di inventiva, a descrivere la catastrofe della paranoia e dell’incompetenza, dell’arroganza e della dissennatezza. Come tutte le satire migliori prima si ride e poi si rimane atterriti: perchè la satira è lo specchio che ci dice la verità sui nostri errori; che ci dice che i mostri non sono i mostri ma chi li ha liberati, blanditi, scatenati, per rimanerne irrimediabilmente vittima.

Se ‘Lo scarafaggio’ di Ian Mc Ewan si concentra sul potere, ‘Il Capitano e la Gloria’ si concentra su noi stessi, dicendoci che, ogni volta che siamo a un bivio tra ciò che è giusto e ciò che è nuovo, dovremmo riflettere molto bene prima di scegliere a chi affidare il timone della barca sulla quale siamo tutti.

I fatti di Capitol Hill del 6 gennaio erano già tutti nelle caustiche pagine di Eggers, e il possibile finale, anche: ma non bisogna solo leggerlo, bisogna realizzarlo.

Mercoledì 24 luglio –...

Continua la rassegna letteraria “Libri in piazzetta” organizzata da...

Olimpiadi Parigi 2024: i...

Venerdì 26 luglio si terrà la cerimonia di apertura...

Ecco i migliori 100...

Un articolo senz'altro da non perdere per tutti i...

“Inside out”: capire Tristezza...

Sara Marzullo, critica letteraria, ha pubblicato quest'anno, per 66thand2nd,...

Caso Chiara Ferragni: 4...

Una premessa doverosa: non ci occupiamo di gossip, dunque...

17 luglio – Presentazione...

Continua la rassegna letteraria "Libri in piazzetta" organizzata da...

Ecco i migliori 100 libri degli ultimi 25 anni secondo il New York Times

Un articolo senz'altro da non perdere per tutti i booklover è quello uscito sul New York Times che parla dei 100 migliori libri di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Olimpiadi Parigi 2024: i libri da leggere per prepararsi alle gare più attese

Venerdì 26 luglio si terrà la cerimonia di apertura della 33esima Olimpiade di Parigi: per 17 giorni gli occhi del mondo saranno sulla Ville...

Tre buoni motivi per leggere “La verità sul caso Harry Quebert” di Joël Dicker

Colpi di scena e suspense in un libro in cui nulla è come sembra Questo è un altro di quei casi in cui ho visto...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Che meraviglia i libri con testo originale a fronte

I libri con testo originale a fronte possono rappresentare una meravigliosa indecisione: non sai mai se leggere la traduzione in italiano, per ovvi motivi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

Caso Chiara Ferragni: 4 libri per capire cosa succede e analizzare il mondo degli influencer

Una premessa doverosa: non ci occupiamo di gossip, dunque quello che vi proponiamo non è un articolo che parla di pettegolezzi su Chiara Ferragni....