Sembra Alice ma non è: “La buca” di Hiroko Oyamada

SUL LIBRO

Neri Pozza esplora territori magari poco conosciuti ma di grande qualità: è il caso della giovane scrittrice giapponese Hiroko Oyamada, di cui l'anno scorso venne pubblicato il magnifico "La fabbrica"

Tempo di lettura: 2 minuti

La collana Bloom dell’editore Neri Pozza continua a proporre titoli di letteratura straniera molto interessanti, che esplorano territori magari poco conosciuti ma di grande qualità. È il caso della giovane ma già affermata scrittrice giapponese Hiroko Oyamada, di cui l’anno scorso venne pubblicato il magnifico “La fabbrica”, da noi molto apprezzato (qui la recensione). Abbiamo quindi approcciato con curiosità ed elevate aspettative “La buca”, un romanzo che si è aggiudicato in patria il prestigioso premio Akutagawa, restandone piacevolmente spiazzati.

La trama

La trama, in breve: la giovane Asa è sposata con Muneaki, che viene trasferito in una nuova sede della sua azienda, nella Prefettura dove lui è nato e dove vivono i loro genitori. Tamako, la madre di Muneaki, offrono alla coppia di traslocare in una casa di loro proprietà che si è appena liberata dagli affittuari. È un colpo di fortuna, perché Asa deve rinunciare al suo lavoro in città e non pagare l’affitto è un risparmio fondamentale.

Inizia così, per la ragazza, una nuova vita: senza lavoro e con i suoceri come vicini di casa. Proprio per fare una commissione per Tamako, Asa si ritrova nella campagna, vicino a un fiume, e qui, seguendo un misterioso animale, cade in una buca. Viene tirata fuori da una vicina di casa, e da quel momento incontrerà strani personaggi, in una dimensione incerta tra realtà e immaginazione. Asa è uscita davvero dalla buca o è sprofondata in un altro mondo? La casa in cui torna è la sua o è in una dimensione parallela? Questa è la “buca narrativa” in cui sprofondano i lettori, sino all’imprevedibile finale.

Tre buoni motivi per leggerlo

Come in molti romanzi giapponesi, in “La buca” le domande sono molte di più delle risposte e quindi i bivi narrativi molti di più dei tre che vi proponiamo.

1Quasi come un riflesso condizionato, spesso i romanzi giapponesi dove succedono cose strane, vengono paragonati a Kafka. In questo la mediazione di Akutagawa è stata decisiva e poi ci ha pensato Murakami. E proprio nell’ultimo romanzo di Murakami (“L’assasinio del commendatore”) c’è qualcuno che cade in una buca. Eppure il romanzo di Oyamada è diverso. Perché la buca è il sopra, non il sotto. L’autrice cita ironicamente “Alice nel paese delle Meraviglie” non per riconoscere un debito, ma per dirci che siamo in una situazione diversa. In “La buca” si avverte una sensazione di paura permanente che è data dalla normalità, non dalla sua infrazione. Solo che la normalità è strana. Il risultato è una lettura che ti prende e che ti fa sentire… strano.

2Non in modo esplicito come ne “La fabbrica”, questo è un romanzo sociale. Asa è una donna precaria, in un mondo maschile distante, che nel mondo strano in cui si finisce i personaggi sono ologrammi della precarietà e dell’incertezza. In particolare il presunto fratello del marito si dichiara un hikikomori, ma assomiglia di più a un fantasma. Come ne “La fabbrica” la natura è distante dall’uomo: qui è piena di cicale e di altri insetti e non è mai un rifugio ma sempre una specie di monito. In un certo senso è una natura hikikomori, in disparte dall’uomo. E solo una donna può accorgersene. O, meglio: le donne.

3La scrittura di Oyamada è semplice e modernissima, rendendo accessibile la stratificazione dei livelli di lettura. “La buca” inquieta senza nessun effetto orrorifico, fa sorridere senza alcuna sguaiatezza, fa riflettere senza alcuna retorica, sbalordisce senza effetti speciali. Oyamada scrive come un grande illusionista: sai che c’è il trucco, ma non lo vedi, e non puoi che abbandonarti a questo fascino. Insomma: non vediamo l’ora di leggere il prossimo.

 

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...
Neri Pozza esplora territori magari poco conosciuti ma di grande qualità: è il caso della giovane scrittrice giapponese Hiroko Oyamada, di cui l'anno scorso venne pubblicato il magnifico "La fabbrica"Sembra Alice ma non è: "La buca" di Hiroko Oyamada