Tre buoni motivi per leggere “Piranesi” di Susanna Clarke

Tempo di lettura: 2 minuti

4 out of 5 stars (4 / 5)

Un labirinto letterario in cui è meraviglioso perdersi.


Dopo 15 anni torna al romanzo Susanna Clarke, osannata autrice di “Jonathan Strange & il signor Norrell’, e con “Piranesi”, edito da Fazi, si ripropone come una maestra della letteratura fantastica. Apprezzatissima da Neil Gaiman, la Clarcke è difficilmente inquadrabile in un genere. L’esito è una romanzo godibilissimo, dove il lettore è chiamato a risolvere enigmi, a riflettere sul rapporto tra fantasia e realtà, ad appassionarsi per la vicenda del protagonista, per il quale è impossibile non provare empatia. 

La trama, in breve: la Casa è una sequenza apparentemente infinita di vestiboli e saloni, tutti adornati da bellissime statue, ed ha tre livelli. Quello inferiore è occupato dalle acque marine, quello superiore è il Regno delle Nuvole e da esso scivolano cascate di acqua dolce verso i Saloni di Mezzo. Qui, vive Piranesi. Prima di Piranesi solo altre 13 persone hanno abitato il Mondo, e i loro scheletri sono custoditi dalla Casa. Piranesi è l’unico uomo a vivere nel Mondo, a parte l’Altro, con cui si incontra ogni martedì e venerdì. Piranesi è in perfetta armonia con il labirinto, lo esplora, cataloga le statue e tiene dei diari. Ma a un certo punto succedono due fatti straordinari: nella casa arriva, dall’esterno (l’altro mondo, che forse è il nostro), 16, che l’Altro presenta come un nemico, e Piranesi trova nei suoi diari tracce dimenticate del suo passato, che scrivono una storia inquietante e del tutto diversa… Chi è Piranesi? E a che mondo appartiene? Tre domande che ci portano ai tre buoni motivi per leggere questo libro.

1Susanna Clarke crea un mondo alternativo che innanzitutto è difficile collocare nel tempo. Tutto fa pensare a delle Ville Palladiane invase da una natura non ostile. Il richiamo al grande disegnatore di rovine Giovan Battista Piranesi è evidente ma anche fuorviante, perché la Casa non è un rovina: è un ambiente con una sua logica, una sua perfezione, il cui disegno è intellegibile solo parzialmente. La Casa, poi, è collegata con il nostro mondo, e l’Altro, ambiguo amico di Piranesi, viene chiaramente da lì, con il suo smartphone, che più che un anacronismo è una dislocazione. Così la trama della storia è un labirinto in cui naufragare è, apparentemente, dolce.

2“Piranesi” è una storia a enigma in cui il codice da decrittare è la scrittura. I diari di Piranesi porranno al protagonista il quesito sulla sua identità. I diari sono mappe per raggiungere l’identitò di Piranesi. Da essi emerge un intreccio tutto giocato nell’Altro Mondo nella cerchia dello scienziato spiritista Laurence Arne-Sayles, in cui spicca Sylvia D’Agostino, che voleva studiare Morte, Stelle e matematica. Un gioco di specchi? Sicuramente è una delizia per i lettori.

3Se il primo romanzo della Clarke chiamava in causa la magia, questo, in qualche modo, è un esercizio sulle possibilità dell’escapismo, l’arte della fuga. E l’arte del ritorno a casa, che è poi una controfuga. Insieme al protagonista e l’Altro, il motore della trama e degli accadimenti è la sedicesima persona, forse un esploratore dei Saloni, forse qualcuno che li abiterà nel futuro. Una persona che assomiglia molto a noi, i lettori.

Piranesi. E’ così che mi chiama. Il che è strano, perchè, per quanto io possa ricordare, non è il mio nome.

Ecco i migliori 100...

Un articolo senz'altro da non perdere per tutti i...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

“Povere creature!”: il film...

Sapevate che... "Povere creature!", il film di Yorgos Lanthimos...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Ecco i migliori 100 libri degli ultimi 25 anni secondo il New York Times

Un articolo senz'altro da non perdere per tutti i booklover è quello uscito sul New York Times che parla dei 100 migliori libri di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Olimpiadi Parigi 2024: i libri da leggere per prepararsi alle gare più attese

Venerdì 26 luglio si terrà la cerimonia di apertura della 33esima Olimpiade di Parigi: per 17 giorni gli occhi del mondo saranno sulla Ville...

Tre buoni motivi per leggere “La verità sul caso Harry Quebert” di Joël Dicker

Colpi di scena e suspense in un libro in cui nulla è come sembra Questo è un altro di quei casi in cui ho visto...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

Che meraviglia i libri con testo originale a fronte

I libri con testo originale a fronte possono rappresentare una meravigliosa indecisione: non sai mai se leggere la traduzione in italiano, per ovvi motivi,...

Caso Chiara Ferragni: 4 libri per capire cosa succede e analizzare il mondo degli influencer

Una premessa doverosa: non ci occupiamo di gossip, dunque quello che vi proponiamo non è un articolo che parla di pettegolezzi su Chiara Ferragni....