“Perchè l’America” di Matthew Baker: un libro per chi ha amato “Black Mirror” su Netflix

SUL LIBRO

Bello, ma non così originale

Tempo di lettura: 2 minuti

In questo 2022, la casa editrice Sellerio ha puntato molto sui tredici racconti che compongono “Perché l’America” di Matthew Baker, astro nascente della letteratura americana. Pubblicato negli USA nel 2020 questa raccolta ha subito attratto l’attenzione delle grandi piattaforme di produzione cinematografica, a partire da Netflix e Amazon. I due colossi hanno intuito il grande potenziale visivo e immaginativo dell’autore, le cui short novel sembrano scritte apposta per serie come “Black Mirror” o “Electric Dreams”

I racconti

Basta citare alcune delle trame dei racconti per capire perché: in ‘Riti‘ i buoni cittadini sono quelli che decidono autonomamente quando morire, per non pesare più sui propri familiari e la società, ma c’è uno zio che non ne vuole proprio sapere di morire. In ‘Giornataccia a Utopia‘ le donne hanno conquistato il potere e i maschi sono rinchiusi in bordelli/serraglio dove la loro aggressività può essere tenuta sotto controllo. In ‘Lo sponsor‘ l’unico modo per avere un buon matrimonio è rendere i propri invitati appetibili per i marchi commerciali. In ‘La transizione‘ un ragazzo sceglie di rinunciare al proprio corpo e di trasferire tutti i suoi contenuti cerebrali sul web, reincarnandosi in una banca dati. In ‘Testimonianza di Sua Maestà‘ la società stigmatizza – e ghettizza – i ricchi consumisti e premia la frugalità.

In effetti, la verve inventiva è una delle qualità migliori di Baker, che è stato associato a molti grandi della short novel, da George Saunders a Philip K. Dick. Ma la sensazione è che Baker, più che aggiungere qualcosa alla letteratura americana, sia uno straordinario bartender, in grado di rimescolare, a grande velocità, gli ingredienti preparati da altri autori.

Intendiamoci: per citare, e addirittura per copiare, in modo efficace ci vuole un grande talento, e sicuramente Baker ne ha da vendere. Il problema è che per un lettore appassionato dei classici del racconto breve e/o della fantascienza anni Cinquanta e Sessanta, “Perchè l’America” è circondato di dejà vu o meglio, di dejà lit.

Le influenze

“Riti”, ad esempio, è una variazione sul tema di “Il test”, che Richard Matheson scrisse nel 1954 e l’influenza di Robert Sheckley è palpabile, laddove in “Perchè l’America” la letteratura ai confini tra fantascienza e iperrealismo torna alle sue nobili origini di genere sociale: niente alieni o astronavi ma visioni del futuribile umano, che spesso dilaga nella distopia.  E’ così per “Ergastolo”, indubbiamente una prova notevole, che spicca per essere il miglior racconto della raccolta.

Ed è il caso di tre racconti ‘Anime perse’, dove esplode una strana epidemia di bambini che nascono “vuoti”, senza anima; ‘Da leggere al contrario’, in cui le persone vive sono “riusi” di quelle morte in precedenza e ‘Un’unica grande famiglia felice’, dove i bambini vengono assegnati e cresciuti dalla comunità, a cui i genitori li cedono per continuare la loro vita senza vederli e dove chi si ostina ad allevarli in casa è considerato un pericoloso asociale, come se fosse un no-vax. Un’insistenza sulla tematica della demografia che giustifica l’accostamento di Baker alla Margaret Atwood de “Il racconto dell’ancella”.

Quando poi abbandona il terreno del fantastico, le capacità di shakeratore dell’autore si dimostrano ancora più spericolate: Donald Antrim è disseminato dappertutto, anche in alcune cifre stilistiche, ovviamente John Barth fa capolino qua e là , David Foster Wallace infesta “Parole in guerra” e, dulcis in fundo, lo spirito letterario di George Saunders aleggia per tutto il libro, e in modo predominante nella novella title track “Perchè l’America”.

Bello, ma…

L’esito di questa coctkail letterario è una lettura piacevole e stimolante, e su tredici racconti solo uno è da dimenticare, uno è ottimo, tre sono molto buoni e gli altri sono sopra la media. Ma rimane un senso di incompletezza. Non solo perché in alcuni racconti è chiaro che Baker ha dei problemi con i finali (come alcuni scacchisti), ma perché la sensazione è che tutto sia molto ben confezionato, ma con troppa poca anima. Se Donald Antrim commuove in modo struggente e George Saunders, letteralmente, sconvolge; Baker intrattiene in modo squisito ma restando inevitabilmente in superficie di sè stesso e delle cose.  Se paragoniamo “Perché l’America” al da noi recensito “Pechino Pieghevole” della cinese Hao Jingfang, viene il sospetto che forse sono gli scrittori maschi bianchi americani ad aver smarrito la capacità di inventare la letteratura del futuro, limitandosi a rifare molto bene il passato. Ma, citando anche noi John Barth, questa è un’altra storia. 

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

“Sushi misto dopo l’amore”...

Se siete amanti dei racconti brevi, della letteratura giapponese,...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...
Bello, ma non così originale"Perchè l'America" di Matthew Baker: un libro per chi ha amato "Black Mirror" su Netflix