Tre buoni motivi per leggere ‘Pechino pieghevole’ di Hao Jingfang

SUL LIBRO

CONSIGLIATO
Un sorprendente e acuto sguardo sul futuro

Tempo di lettura: 2 minuti

Dovremmo essere veramente grati alla casa editrice torinese Add per aver fatto conoscere al pubblico Hao Jingfang, prima scrittrice a vincere – nel 2016 – il prestigioso premio Hugo per la letteratura di fantascienza, con il racconto ‘Pechino pieghevole’, che dà il titolo alla raccolta pubblicata in Italia nel 2020. La fantascienza sta vivendo in questi anni un nuovo rinascimento, raccogliendo le sfide dell’immaginazione dei futuri possibili, e i racconti di ‘Pechino pieghevole’  sono il frutto dell’immaginario e della scrittura di un’autrice semplicemente sbalorditiva.

La trama, in breve: la raccolta comprende 11 racconti brevi o brevissimi, riprendendo la tradizione della short novel come genere prediletto dalla fantascienza. In ‘Pechino pieghevole’ vediamo come una città può essere modificata per assegnare alle classi di persone giornate e notti di tempo diverso, nella mini trilogia ‘L’arpa tra cielo e terra’ ‘Al centro della prosperità’ e ‘Il teatro dell’Universo’ l’umanità deve fare i conti con un dominio alieno che sembra risparmiare solo gli artisti, le persone di cultura, gli scienziati e i ricercatori. Lo spazio è protagonista anche di ‘Cerere in volo’ e ‘L’ultimo eroe’. Negli altri quattro racconti il tema è quello del confine tra vite e morte e tra vita biologica e vita artificiale.  Una sfida difficilissima, che Hao Jigfang affronta senza alcuna vertigine.

Ci sono tre eoni di motivi per leggere questo libro, ecco i nostri.

1Come tutta la migliore fantascienza Hao Jungfang immagina il futuro sulla base di una presa d’atto dei movimenti del presente. Il cuore della sua scrittura sono le possibilità e i bivi del cambiamento. L’autrice è una ricercatrice ed è cinese: la sua dimensione è la frontiera più avanzata della contemporaneità e questo si riversa in storie che si confrontano con l’obsolescenza del lavoro, l’insostenibilità del pianeta, la contraddizione tra aspirazioni individuali e dimensione sociale. Soprattutto i tre racconti che pongono al centro il rovello di artisti e scienziati – a fronte di alieni che li eleggono a intermediari del loro dominio – aprono uno squarcio originale e inedito su quella che chiamiamo società della conoscenza e dell’informazione.

2Pur affrontando questioni scientifiche e tecnologiche, la scrittura è sempre semplice, piana, a volta al limite di un’apparente ingenuità. Del resto era un tratto comune a maestri come Stanislaw Lem. Donne e uomini di fronte a fatti che li prescindono o sembrano più grandi di loro sono personaggi che parlano al nostro quotidiano e ci interrogano, con delicatezza e, spesso, ottimismo. Pur essendo critica del contemporaneo, l’autrice ci indica sempre una speranza: la figura del bibliotecario spaziale e dei coloni intergalattici di ‘Cerere in volo’ sono ossigeno per le nostre claustrofobie.

3‘La clinica di montagna’ è, semplicemente, il miglior racconto che abbia letto negli ultimi dieci anni. È la storia di un uomo di talento schiacciato dalle responsabilità (un matrimonio combinato, la competizione in università, i debiti per una casa più grande) che fugge e si ritrova in un luogo dove vengono accolti gli sconfitti di questa alienazione. Ma è in questi sconfitti, trattati con l’intelligenza artificiale, che i vincenti e i sopravviventi possono ritrovare se stessi. La fantascienza usa l’alterità più radicale per costringerci a dirci la verità su noi stessi. Hao Jingfang fa di questo un’arte sopraffina, spiazzante, commovente.

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

“Sushi misto dopo l’amore”...

Se siete amanti dei racconti brevi, della letteratura giapponese,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...
CONSIGLIATO <br> Un sorprendente e acuto sguardo sul futuroTre buoni motivi per leggere 'Pechino pieghevole' di Hao Jingfang