Uno scrittore e le sue amate t-shirt: tutte le mezze maniche di Murakami Haruki

SUL LIBRO

Un collage di piccolissime storie leggere, anzi leggerissime (e bellissime), sulla passione del grande scrittore giapponese per le magliette

Tempo di lettura: 2 minuti

Scrittore di fama mondiale, instancabile maratoneta e appassionato di dischi: queste sono le caratteristiche di Murakami Haruki note al grande pubblico e alla nutrita schiera dei suoi affezionati lettori. La sua passione per le t-shirt, che colleziona in grandi quantità, era invece meno nota sino a quando la rivista “Popeye” non  gli ha chiesto di scrivere per sei mesi una rubrica in cui parlare delle sue magliette preferite, tutte fotografate e inserite nel testo. Gli articoli sono stati raccolti nel volume “T – Le mie amate t-shirt” (Einaudi, 2022) a formare un collage di piccolissime storie leggere, anzi leggerissime.

In diversi probabilmente troveranno dei difetti in questa operazione, magari considerandola troppo commerciale o scrollando le spalle di fronte alla potenziale irrilevanza dei gusti di un romanziere giapponese in fatto di mezze maniche. Sono posizioni legittime, ma la mia è diversa. Non solo perché essendo come Murakami un accumulatore seriale di magliette, molte delle quali destinate a languire nei cassetti perché non indossabili, mi sento solidale con lui, ma per altri tre buoni motivi.

1Spesso siamo interessati a sapere quali libri leggono i nostri autori preferiti. O cosa pensano di questioni importanti. Cosa ci importa dei loro armadi? Eppure noi siamo anche quello che indossiamo tutti i giorni, siamo quello che ci piace, siamo ciò che scegliamo di collezionare. Murakami, parlando delle sue t-shirt, ci mostra il suo lato pop e mette in mostra il suo quotidiano: non con un post o una storia su Instagram, ma con un piccolo racconto, una divagazione letteraria che rilassa: una delle funzioni della letteratura più sottovalutate.

2Le t-shirt raffigurate sono colorate e qualche volta sono molto belle. Non sono di marca ma comprate in negozi di dischi o in bancarelle dell’usato, o a un concerto. Alcune sono di marche di birra o whisky o automobili, altre di negozi di surf, altre ancora di università che hanno ospitato Murakami o realizzate per le presentazioni dei suoi libri. Poi ci sono i supereroi, gli animali, le maratone e, ovviamente, libri e librerie. Sono sempre il frutto di una sorpresa, di una folgorazione, di un innamoramento fugace o duraturo. Sono l’emozione di un immagine. Messe tutte in fila, le magliette di Murakami sono un po’ la sua musica del caso. E la citazione di Paul Auster non è casuale.

3Certamente questo libro è un divertissement, ma siamo sicuri che il divertimento sia superficiale? La prima maglietta presentata è stata lo spunto di uno dei racconti più famosi di Murakami, da cui è stato tratto anche un film (“Tony Takitani”): da una maglietta è nata una storia. E questo ci dice che nei cassetti di Murakami non ci sono solo magliette, ma frammenti di vita da cui chi scrive può estrarre l’infinita possibilità dell’immaginazione. In fondo questa raccolta ci dice sulla scrittura di Murakami molto di più di cento saggi critici. Perché la letteratura è come le t-shirt: devi indossarla, per farla leggere a qualcuno.

Il lato più oscuro...

Come ci ha raccontato la fondatrice Isabella Ferretti al...

“La piccola Battaglia portatile”...

Abbiamo già avuto modo di parlare di Paolo Nori,...

“L’invincibile estate di Liliana”...

In un giorno di luglio del 1990, Liliana Garza...

La classifica dei libri:...

Fine anno, tempo di classifiche. Sono stati 365 giorni...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Un collage di piccolissime storie leggere, anzi leggerissime (e bellissime), sulla passione del grande scrittore giapponese per le maglietteUno scrittore e le sue amate t-shirt: tutte le mezze maniche di Murakami Haruki