Tre buoni motivi per leggere “Ragazze di Riad” di Rajaa Alsanea

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5)
Un ritratto coraggioso dell’Arabia Saudita dipinto da quattro ragazze “ribelli”


Come si vive a Riad, nella capitale dell’Arabia Saudita, se sei una ragazza che ha voglia di scoprire il mondo, la tecnologia, l’amore? “Ragazze di Riad” di Rajaa Alsanea (2005) riesce molto bene a descrivere tutte le contraddizioni di una società rigida come quella saudita, con le avventure di quattro giovani universitarie, amiche per la pelle, con quattro destini differenti.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 È stato scritto nel 2005 da una donna nata nel 1980, che dunque all’epoca aveva 25 anni e utilizzava il web per scrivere. E dunque il libro, scritto come uno scambio di e-mail, ha uno stile fresco, leggero, scorrevole e coinvolgente. Proprio come quello di una qualsiasi ragazza proveniente da una qualsiasi parte del mondo.

2 Naturalmente il libro, pubblicato prima in Libano, non mancò di suscitare enormi polemiche all’interno della società saudita. Eppure, nel 2006 Rajaa Alsanea è stata votata come intellettuale araba dell’anno.

3 Vengono affrontati quattro tipi di situazioni per nulla rare in Arabia Saudita: una ragazza in continua lotta contro le tradizioni familiari e contro la propria debolezza, una ragazza per metà araba e per metà americana incapace di sopportare le restrizioni della società saudita e dunque vittima della maldicenza, una ragazza ferita da un amore che la condizionerà per la vita, e un’ultima protagonista, forte e decisa a conquistare l’uomo che ama, e la libertà (seppur all’estero).

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

La solitudine dei fan...

La casa editrice e/o ha portato in Italia il...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...