I film di culto di un regista di culto: “Cinema speculation” di Quentin Tarantino

SUL LIBRO

Un libro di Tarantino che sembra un film di Tarantino: citazioni, ritmo ed esplosioni di violenza di celluloide. Un dietro o, meglio, un "dentro" le quinte dei singoli film e del sistema Hollywood

Tempo di lettura: 2 minuti

Quentin Tarantino non è solo un grande regista, tra i più osannati dal pubblico negli ultimi trent’anni (“Pulp fiction”, il film che lo consacrò, è del 1994), ma è anche un grande scrittore. Di cinema, come dimostrano i numerosi premi ottenuti come sceneggiatore, ma anche sul cinema, perché prima di diventare una star è stato un critico, e per diventare un critico è praticamente cresciuto nei cinema. Da questa esperienza sgorga “Cinema speculation” (La Nave di Teseo, 2023, nella efficacissima traduzione di Alberto Pezzotta): un testo colto ma straordinariamente brillante, che ti fa voglia di vedere o rivedere i film di cui parla. Per una volta non da libro al film, ma dai film a un libro.

Il libro, in breve 

Sin da bambino, a Los Angeles, Quentin Tarantino ha visto moltissimi film. Con i genitori, con la madre, le amiche della madre, i compagni della madre e delle amiche della madre. Ha visto film di ogni tipo, ma soprattutto film popolari – western, gialli, action e soprattutto exploitation – che hanno formato non solo il suo gusto, ma la sua estetica. Film che molti adulti non gli avrebbero fatto vedere, ma alla fine l’unico che lo ha davvero traumatizzato è stato “Bambi”.

Crescendo ha potuto seguire le grandi trasformazioni di Hollywood, i cambiamenti di regia e di scrittura, in particolare il passaggio dal melò al cinema impegnato e quindi all’ulteriore rivoluzione tra la fine dei ’70 agli anni ’80. Tarantino “specula” così sui film gli attori, gli sceneggiatori e i registi che lo hanno più colpito, da “Bullit” a “M.A.S.H.” a “Le due sorelle”; da Don Siegel a Brian De Palma, da Steve McQueen a Robert De Niro, da Paul Schrader a Sylvester Stallone, da Burt Reynolds a Clint Eastwood e tanti altri. Un libro di Tarantino che sembra un film di Tarantino: citazioni, ritmo ed esplosioni di violenza di celluloide.

Con il suo ultimo film “C’era una volta Hollywood”, Tarantino ha restituito l’atmosfera di un’epoca, con “Cinema speculation” ce la spiega. Un dietro o, meglio, un dentro le quinte che consiglio per almeno tre buoni motivi.

1.  I film di culto che la mia generazione ha visto in tv

“Taxi Driver”, “Rocky”, “Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo”, sono film che la mia generazione ha visto in televisione, o ha noleggiato in VHS. In moltissimi casi non solo li abbiamo visti, ma li abbiamo rivisti, anche decine di volte. Anche per questo motivo quando guardiamo i film di Tarantino riconosciamo la nostra educazione al cinema di genere, che spesso, è grande cinema e basta (così come accade per la letteratura di genere).

Il merito di “Cinema speculation” è non tanto di spiegarceli (anche se lo fa, benissimo), ma di farceli rivivere, di darci un nuovo modo di vederli. Leggendo il libro capiamo perché ci sono piaciuti e ci sono “rimasti”. In questo senso è esemplare il capitolo dedicato a “Un tranquillo weekend di paura”: ora so perché mi colpì così tanto e perché lo rivedrò, all’infinito. Un corso di cinema in 420 pagine di adrenalina pura.

2. Una bellissima storia d’amore con il cinema

Se c’è una cosa che si capisce guardando i film di Quentin Tarantino, è che è un regista che ama il cinema (e leggendo “Cinema speculation” scopriamo che non è una cosa così scontata). Da questo amore deriva la ricerca incessante del Tarantino spettatore e autore: il piacere. Non la perfezione tecnica, non l’interpretazione perfetta, ma la soluzione migliore per chi guarda, la scelta dell’attore migliore per quella parte in quel film in modo che il pubblico sia entusiasta e abbia voglia di andare al cinema per vedere una storia. Spesso la critica “uccide” il piacere, in questo caso lo esalta, come dimostra lo splendido capitolo dedicato al vice responsabile delle pagine cinematografiche  del “Los Angeles Times” Kevin Thomas, il critico più stimato da Tarantino.

3. La magia del backstage del cinema

“Cinema speculation” è bello anche perché ci porta dietro le quinte dei singoli film e del sistema Hollywood. Per chi ama le curiosità e gli aneddoti, in questo libro ne troverà a decine ed è il lato del libro più da cinefili. Perché Tarantino non è interessato al gossip, ma a tutto quello che lo spettatore non vede in quella grande industria che è il cinema, in particolare la battaglia quotidiana per diventare una star e poi rimanere in quel cielo senza cadere. Tarantino racconta storie di compromessi, di equivoci, di fortune e sfortune, con una scrittura davvero godibile: prendete i popcorn e godetevi “Cinema speculation”.

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Un libro di Tarantino che sembra un film di Tarantino: citazioni, ritmo ed esplosioni di violenza di celluloide. Un dietro o, meglio, un "dentro" le quinte dei singoli film e del sistema HollywoodI film di culto di un regista di culto: "Cinema speculation" di Quentin Tarantino