Tre buoni motivi per leggere “La vita bugiarda degli adulti” di Elena Ferrante

Tempo di lettura: 1 minuto

5 out of 5 stars (5 / 5)

Il ritorno della Ferrante in stile “Amica Geniale”


Quando ho deciso di leggere “La vita bugiarda degli adulti” di Elena Ferrante (edizioni e/o, 2019) non sapevo bene cosa aspettarmi. La paura più grande era di rimanere delusa dopo la saga dell'”Amica Geniale” che mi è piaciuta davvero molto. Invece questo nuovo libro della Ferrante (o di chiunque si celi dietro a questo pseudonimo) ha retto bene, ecco perché:

1 Perché il romanzo – anche se non così articolato come l'”Amica Geniale” – riporta ancora una volta in una Napoli popolata da personaggi controversi, diversissimi tra loro, tra i quali la giovane protagonista Giovanna crescerà.

2 Perché torna quella contrapposizione, che già si vedeva nella saga dell'”Amica Geniale”, tra l’ipocrisia di una certa classe agiata e colta, e la genuinità – seppur mescolata alla rozzezza e all’ignoranza – di chi rimane ancorato alle proprie radici umili. Di nuovo, nella psicologia dei personaggi di questo romanzo, nulla è come sembra (e crescendo Giovanna si accorgerà proprio di questo, della “vita bugiarda degli adulti”).

3Mette nel corpo e nello spirito quella sana voglia di aspettare e leggere il seguito: questo è probabilmente solo l’inizio di una nuova promettente saga, si capisce dal finale, che non vi svelo. Insomma, speriamo in una serie di romanzi che possa appassionare come l'”Amica Geniale”, l’inizio d’altra parte è promettente. Evviva!

 

 

 

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

“Al mare non importa”...

Gli amanti dei libri che frequentano i social avranno...

Diventare donna su un...

Giorgia Benardini è una giornalista sportiva (collabora tra le...

“Barnaba il mago” di...

Ho trovato in una bella libreria indipendente nel vicolo...

Perché “La figlia oscura”...

Ho letto con tanta curiosità e molte aspettative "La...

“Fedeltà” di Marco Missiroli:...

Qualche settimana fa Netflix reclamizzava la serie tv "Fedeltà":...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...