Diventare donna su un campo da basket: “Area piccola” di Giorgia Bernardini

SUL LIBRO

Le caratteristiche di questo romanzo sono sincerità, passione e una scrittura che coniuga semplicità e coinvolgimento, con una grande capacità di raccontare i momenti agonistici

Tempo di lettura: 2 minuti

Giorgia Benardini è una giornalista sportiva (collabora tra le altre con la testata online “Ultimo uomo”, di cui abbiamo recensito le raccolte “Rivali” e “La caduta dei campioni“) e “Area piccola” (Marsilio, 2023) è il suo esordio narrativo. Un romanzo dedicato al basket femminile, una delle tante discipline etichettate come sport minore, che ho letto con lo sguardo attento che dedico sempre alla letteratura di ambientazione sportiva. É un ottimo lavoro, che merita di trovare lettrici e lettori e che spero davvero non sia trascurato come lo sport che racconta.

La trama, in breve

Chris e Claudia giocano a pallacanestro. Chris è figlia di Viola, che è un grande architetto. Un giorno Viola se ne va, lasciando la sedicenne Chris da sola a Follonica, per fare carriera a Milano. Claudia è figlia di Nadia, che è stata una campionessa del parquet. A Chris non rimangono che il basket e Nadia, che è la sua allenatrice e la apprezza ancor più di Claudia, che forse alla pallacanestro preferirebbe un’adolescenza come quella delle altre ragazze e che sicuramente vorrebbe essere Viola. Un ritiro in nazionale giovanile e le finali playoff scudetto della squadra di La Spezia in cui intanto è approdata Chris scandiscono le vicende di quattro donne messe di fronte ai bivi della vita, quando ogni scelta è come un ultimo tiro decisivo che balla sul ferro di un canestro.

Tre buoni motivi per leggerlo

Nel basket, l’area piccola è un settore colorato sotto il canestro in cui un giocatore non può restare più di tre secondi, come tre sono i buoni motivi per leggere il romanzo di Giorgia Bernardini.

1Molto spesso, nella letteratura di ambientazione sportiva, il momento agonistico serve da palcoscenico per rappresentare le idee e i sentimenti dei protagonisti. In ‘Area piccola’ la dimensione quotidiana di chi pratica sport e la considerazione che il mondo esterno ha di quello sport sono una delle tematiche principali del romanzo. Giorgia Bernardini ci fa vedere che quello che per molti è sport minore, è in realtà non solo decisivo per chi lo pratica, ma comporta lo stesso livello di dedizione e di affinamento del gesto tecnico e fisico delle discipline più seguite. Capiamo così che per un atleta non conta quanto il pubblico sia numeroso o quale sia la posta in gioco: conta avere un pubblico e giocare bene. In questo forse siamo di fronte a un libro unico, e quindi prezioso.

2‘Area piccola’ è una storia di donne, dove i maschi o sono assenti, o sono ai margini o sono più o meno sbagliati. Chris è indubbiamente la protagonista, ma è una figlia determinata dal rapporto con sua madre, con Claudia e Nadia e con le sue compagne di squadra. É soprattutto in palestra e negli spogliatoi, ma anche in quegli straordinari momenti extratemporali tra una partita e l’altra, che si sviluppano le dinamiche di solidarietà e conflitto che troviamo spesso banalizzate in tanti resoconti e racconti superficiali e che invece Giorgia Bernardini restituisce con sincerità, passione e una scrittura che coniuga semplicità e coinvolgimento, con una grande capacità di raccontare i momenti agonistici.

3Forse l’unico libro che in qualche modo ricorda ‘Area Piccola’ è ‘La regina degli scacchi‘ di Walter Tevis. Entrambi sono romanzi di formazione di una giovane donna; entrambi affrontano il tema della “pressione“, che gli atleti vivono in modo esplicito ma che è la grande questione esistenziale delle società fondate sui miti del successo e della performance, come dimostra la storia della mamma di Chris. Entrambi, infine, portano le loro protagoniste ad esplorare e scoprire loro stesse attraverso l’affinamento del loro corpo e della loro abilità, accompagnandole dove possono scegliere di essere libere: alla fine di un incontro e all’inizio di quello successivo

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Il lato più oscuro...

Come ci ha raccontato la fondatrice Isabella Ferretti al...

“Al mare non importa”...

Gli amanti dei libri che frequentano i social avranno...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Le caratteristiche di questo romanzo sono sincerità, passione e una scrittura che coniuga semplicità e coinvolgimento, con una grande capacità di raccontare i momenti agonisticiDiventare donna su un campo da basket: "Area piccola" di Giorgia Bernardini