Le folli estati del calcio anni ’90: “Dov’è la vittoria?” de La Ragione di Stato

SUL LIBRO

La Ragione di Stato deve molto al modello della Gialappa's e lo aggiorna ai ritmi dei social con un libro, divertente, acuto e mai banale

Tempo di lettura: 2 minuti

La Ragione di Stato è un collettivo nato nel 2018 e che si occupa, per sua stessa ammissione “di sport (in particolare di calcio), di vicende politiche nazionali e del loro fantozziano connubio”. Lo fa nei teatri e, soprattutto, sui social: le brillanti ed esilaranti pagine Facebook e Instagram de La Ragione di Stato sono seguite da decine di migliaia di follower e prima o poi doveva scapparci un libro. “Dov’è la vittoria – L’Italia ai Mondiali defgli anni Novanta” (66thAnd2nd, 2022) è uscito ad agosto del 2022, quando ormai gli italiani sapevano che per la seconda volta consecutiva avrebbero visto i Mondiali del Qatar solo in televisione, dopo l’umiliante sconfitta contro la Macedonia del Nord.

Stefano Mondi e Matteo Santarelli hanno reagito al lutto di questa nazione di 60 milioni di CT e di tifosi da divano e tastiera rievocando i Mondiali degli anni ’90, quelli che si svolsero nel decennio in cui la Serie A era il Campionato più bello del mondo (altro che la Champions) e le compagini azzurre erano imbottite di campioni che però… non vinsero nulla. Non solo: per tre edizioni consecutive, da quella casalinga delle Notti Magiche del 1990 a quella francese del 1998, passando per la finale di Pasadena di Usa 1994, perdemmo ai calci di rigore, nel ripetersi periodico di un melodramma dell’eccesso dell’amore e dello sconforto.

In quest’estate di poche gioie (la finale, persa, del Mondiale Under 20) e molti dolori (l’eliminazione dell’Under 21 agli Europei con la conseguente estromissione per la quarta volta di fila dalle Olimpiadi) leggere questo libro è un meraviglioso gioco estivo, che ci fa commuovere, sorridere e anche un po’ pensare.

Tre Mondiali e tre buoni motivi per leggerlo

1Gli anni ’90 sono il decennio in cui il calcio è il detonatore del fenomeno Gialappa’s band. Molti toglievano l’audio alla tv per ascoltare le radiocronache del trio di voci che ha letteralmente inventato un linguaggio. La Gialappa’s faceva ridere con i neologismi, il surrealismo e con acrobazie comiche che usavano una grande cultura in modo accessibile. La Ragione di Stato deve molto a quel modello e lo aggiorna ai ritmi dei social. Questo libro, divertente, acuto e mai banale, dimostra una capacità di scrittura notevole anche fuori dalla sintesi dei post, terreno di caccia abituale del collettivo. Rinnova una tradizione e ci fa tirare un sospiro di sollievo: ci divertiremo a lungo.

2“Dov’è la vittoria” parla di pallone, ma usa il pallone per parlare del Paese. Non c’è verso: questo è lo sport nazionale, e poche cose come il calcio possono spiegare l’Italia della Prima Repubblica – il Mondiale del design kitsch, delle mazzette e dei morti nei cantieri degli stadi – quella berlusconiana – USA ’94, con il novissimo Arrigo Sacchi in panchina e Tassotti a menare gomitate impunite in area di rigore – quella dell’Ulivo – Francia ’98, con l’equilibrio instabile tra talento e tradizione -. In nessun paese fuori dal Sudamerica politica e football sono così aggrovigliati in un grottesco connubio, che La Ragione di stato mette a nudo, con il ghigno della grande satira.

3Questo libro ha un grande pregio: anche se è stato scritto nel 2022, lo potremo leggere all’infinito, senza annoiarci. Perché declina l’epica del calcio in racconto; perché rispetta i miti ricordandoci che si imprimono nella memoria collettiva soprattutto gli eroi casuali, folli e improbabili come il Totò Schillaci della copertina; perché fanno di uno sport e della sua manifestazione più importante un mondo. Di cui una volta eravamo protagonisti, anche nella cattiva sorte, e in cui non vediamo l’ora di tornare.

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Il lato più oscuro...

Come ci ha raccontato la fondatrice Isabella Ferretti al...

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

“Al mare non importa”...

Gli amanti dei libri che frequentano i social avranno...

“I vagamondi” di Claudio...

Da pochi giorni si sta svolgendo la centodecima edizione...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...
La Ragione di Stato deve molto al modello della Gialappa's e lo aggiorna ai ritmi dei social con un libro, divertente, acuto e mai banaleLe folli estati del calcio anni '90: "Dov'è la vittoria?" de La Ragione di Stato