Le folli estati del calcio anni ’90: “Dov’è la vittoria?” de La Ragione di Stato

SUL LIBRO

La Ragione di Stato deve molto al modello della Gialappa's e lo aggiorna ai ritmi dei social con un libro, divertente, acuto e mai banale

Tempo di lettura: 2 minuti

La Ragione di Stato è un collettivo nato nel 2018 e che si occupa, per sua stessa ammissione “di sport (in particolare di calcio), di vicende politiche nazionali e del loro fantozziano connubio”. Lo fa nei teatri e, soprattutto, sui social: le brillanti ed esilaranti pagine Facebook e Instagram de La Ragione di Stato sono seguite da decine di migliaia di follower e prima o poi doveva scapparci un libro. “Dov’è la vittoria – L’Italia ai Mondiali defgli anni Novanta” (66thAnd2nd, 2022) è uscito ad agosto del 2022, quando ormai gli italiani sapevano che per la seconda volta consecutiva avrebbero visto i Mondiali del Qatar solo in televisione, dopo l’umiliante sconfitta contro la Macedonia del Nord.

Stefano Mondi e Matteo Santarelli hanno reagito al lutto di questa nazione di 60 milioni di CT e di tifosi da divano e tastiera rievocando i Mondiali degli anni ’90, quelli che si svolsero nel decennio in cui la Serie A era il Campionato più bello del mondo (altro che la Champions) e le compagini azzurre erano imbottite di campioni che però… non vinsero nulla. Non solo: per tre edizioni consecutive, da quella casalinga delle Notti Magiche del 1990 a quella francese del 1998, passando per la finale di Pasadena di Usa 1994, perdemmo ai calci di rigore, nel ripetersi periodico di un melodramma dell’eccesso dell’amore e dello sconforto.

In quest’estate di poche gioie (la finale, persa, del Mondiale Under 20) e molti dolori (l’eliminazione dell’Under 21 agli Europei con la conseguente estromissione per la quarta volta di fila dalle Olimpiadi) leggere questo libro è un meraviglioso gioco estivo, che ci fa commuovere, sorridere e anche un po’ pensare.

Tre Mondiali e tre buoni motivi per leggerlo

1Gli anni ’90 sono il decennio in cui il calcio è il detonatore del fenomeno Gialappa’s band. Molti toglievano l’audio alla tv per ascoltare le radiocronache del trio di voci che ha letteralmente inventato un linguaggio. La Gialappa’s faceva ridere con i neologismi, il surrealismo e con acrobazie comiche che usavano una grande cultura in modo accessibile. La Ragione di Stato deve molto a quel modello e lo aggiorna ai ritmi dei social. Questo libro, divertente, acuto e mai banale, dimostra una capacità di scrittura notevole anche fuori dalla sintesi dei post, terreno di caccia abituale del collettivo. Rinnova una tradizione e ci fa tirare un sospiro di sollievo: ci divertiremo a lungo.

2“Dov’è la vittoria” parla di pallone, ma usa il pallone per parlare del Paese. Non c’è verso: questo è lo sport nazionale, e poche cose come il calcio possono spiegare l’Italia della Prima Repubblica – il Mondiale del design kitsch, delle mazzette e dei morti nei cantieri degli stadi – quella berlusconiana – USA ’94, con il novissimo Arrigo Sacchi in panchina e Tassotti a menare gomitate impunite in area di rigore – quella dell’Ulivo – Francia ’98, con l’equilibrio instabile tra talento e tradizione -. In nessun paese fuori dal Sudamerica politica e football sono così aggrovigliati in un grottesco connubio, che La Ragione di stato mette a nudo, con il ghigno della grande satira.

3Questo libro ha un grande pregio: anche se è stato scritto nel 2022, lo potremo leggere all’infinito, senza annoiarci. Perché declina l’epica del calcio in racconto; perché rispetta i miti ricordandoci che si imprimono nella memoria collettiva soprattutto gli eroi casuali, folli e improbabili come il Totò Schillaci della copertina; perché fanno di uno sport e della sua manifestazione più importante un mondo. Di cui una volta eravamo protagonisti, anche nella cattiva sorte, e in cui non vediamo l’ora di tornare.

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Il lato più oscuro...

Come ci ha raccontato la fondatrice Isabella Ferretti al...

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

“Al mare non importa”...

Gli amanti dei libri che frequentano i social avranno...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...
La Ragione di Stato deve molto al modello della Gialappa's e lo aggiorna ai ritmi dei social con un libro, divertente, acuto e mai banaleLe folli estati del calcio anni '90: "Dov'è la vittoria?" de La Ragione di Stato