Tre buoni motivi per leggere “Connessione a rischio” di Emanuela Mortari

SUL LIBRO

- Tema molto attuale
- Personaggi ben strutturati
- Molto piacevole da leggere

Tempo di lettura: 2 minuti

Ho letto con vero piacere “Connessione a rischio” di Emanuela Mortari (Another Coffee Stories, 2021) che come me fa la giornalista a Genova, e ho scoperto, oltre che una brava autrice, anche una nuova casa editrice – nata nel 2020, in mezzo alla tempesta! – che tratta i libri con cura, e si vede.

La trama, in breve: Gloria, 30 anni, programmatrice (e giocatrice) di videogame si imbatte in un misterioso sconosciuto in treno. Preda di un vero colpo di fulmine, decide di scoprire di più su di lui per conoscerlo e sedurlo, ma si troverà invischiata in una partita pericolosa: Alberto, biologo, è in fuga da una situazione di ricatti con pesanti violazioni della privacy e ricerche legate alla bioinformatica. Insieme ai suoi inseparabili amici, Gloria cercherà di tirarlo (e tirarsi) fuori dai guai.

Insomma, il suo giallo è stato proprio una bella sorpresa, ecco perché:

1 Perché tratta un tema molto attuale: violazione della privacy, cyber security, big data. E infine inevitabilmente legalità, ma soprattutto etica: fino a che punto ci si può spingere, con il pretesto della sicurezza, per scavare nei nostri dati personali e raccoglierli? Da chi sono custoditi e che fine possono fare questi enormi database? Possono essere utilizzati a fin di bene, a scopo di lucro, o addirittura per ricattare? Non possiamo non pensare, in questo senso, ai colossi informatici come Google, Facebook, Amazon e così via. E a quello a cui volente o nolente ci stiamo abituando quando, indolenti (e molte volte costretti anche solo per tenerci al passo con il lavoro) premiamo su “accetta” quando scarichiamo una app sui nostri device e questa ci avvisa che, per funzionare, ha bisogno dell’accesso ai nostri dati. L’autrice, come spiega nei ringraziamenti, non si è affidata al caso: ha seguito le indicazioni di biologi, professori universitari ed esperti di protezione di dati.

2 Per i personaggi che a mio parere sono molto ben strutturati. In Gloria e nei suoi amici si possono rispecchiare davvero tante persone della sua generazione (30-40enni): allo stesso tempo eterni ragazzi e professionisti capaci, con tutte le loro sfaccettature, complessità, contraddizioni e lati di luce e ombra. C’è Gloria, spensierata casinista, la sua migliore amica Serena (che credo di aver individuato nella realtà, ma non dirò altro) compagna di mille momenti belli e brutti, l’inseparabile Dave con cui Gloria ha avuto una relazione, il sociopatico e geniale Stefano, il misterioso Alberto, e tanti altri. Ho gradito anche tantissimo i numerosi riferimenti da “nerd” ai videogiochi e, ovviamente, l’ambientazione nella “mia” Genova, ancora ferita dopo il crollo del ponte Morandi.

3 Perché la lettura è davvero piacevole e scorrevole, il libro è curato bene e tutto torna. Anche se il tema della cyber security può sembrare complicato, è affrontato in maniera semplice e contornato da una trama con un ritmo vivace e personaggi che tengono il passo.

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

Quali sono le recensioni...

Diamo i numeri! No, non siamo impazziti, volevamo semplicemente...

Lo strano caso de...

"V'era un lungo capello nero su uno dei cuscini....

Un giallo nel labirinto...

A 19 anni di distanza dalla prima edizione italiana,...

Tre buoni motivi per...

La casa editrice Sur sta portando all'attenzione del pubblico...

Tre buoni motivi per...

Stanislaw Lem è unanimemente considerato uno dei più grandi...

Lusso, ansia e contraffazione: “Superfake” di Kirstin Chen

Viviamo in un mondo dove i gusti e i consumi sono dominati dai grandi marchi e la produzione di ciò che indossiamo avviene molto...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Tre buoni motivi per leggere la serie del Commissario Gamache di Louise Penny

Tre libri, tre giudizi diversi per una saga che vale 4 stelle "Case di vetro", "Il regno delle ombre" e "Un uomo migliore" sono i...

Tre buoni motivi per leggere “Il segno rosso del coraggio” di Stephen Crane

In questo 2021 Einaudi ha deciso di riaprire una delle sue collane più famose, 'Gli Struzzi', chiusa nel 2008, affidandola a Ernesto Franco, che...

Tra Dickens, la Sirenetta e il bizzarro: “Il circo delle meraviglie” di Elizabeth Macneal

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo delle meraviglie" (Einaudi, 2023, nella impeccabile traduzione di Giovanna Scocchera) è un fantastico caleidoscopio narrativo...

Schegge di paura: tre libri di racconti brevi e brevissimi da leggere ad Halloween

Ci sono molti modi per passare una notte da brividi ad Halloween. Si può andare a una festa in maschera, aggirarsi per il quartiere...

Tre buoni motivi per leggere “La verità sul caso Harry Quebert” di Joël Dicker

Colpi di scena e suspense in un libro in cui nulla è come sembra Questo è un altro di quei casi in cui ho visto...
- Tema molto attuale <br> - Personaggi ben strutturati <br> - Molto piacevole da leggereTre buoni motivi per leggere "Connessione a rischio" di Emanuela Mortari