“Sushi misto dopo l’amore” di Mitsuyo Kakuta: la buona cucina che nutre anche l’anima

SUL LIBRO

Quando negli ingredienti di un piatto si nascondono ricordi ed emozioni che ci aiutano a connetterci con il prossimo, stabilendo (o ristabilendo) legami

Tempo di lettura: 2 minuti

Se siete amanti dei racconti brevi, della letteratura giapponese, delle storie tenere e (soprattutto) della cucina, “Sushi misto dopo l’amore” di Mitsuyo Kakuta (Rizzoli, 2022, tradotto da Federica Lippi) fa decisamente per voi. L’ho trovato nell’angolo di una libreria di Reggio Emilia e il titolo mi ha subito incuriosita, così come il formato: tascabile, nemmeno 200 pagine, prometteva bene per una lettura leggera e divertente. E così è stato: ho acquistato il libro di questa scrittrice che negli anni si è affermata come una delle nuove voci femminili più amate in Giappone, e l’ho divorato.

La trama, in breve

Sono brevi racconti che esplorano il rapporto dei protagonisti con il cibo considerato non solo un mero “nutrimento”, ma un elemento in grado di creare legami. Cucinare per qualcuno può essere una dichiarazione d’amore o un addio, può cambiare le carte in tavola o aiutarci a decidere una volta per tutte in che direzione andare. Negli ingredienti si nascondono ricordi ed emozioni che ci aiutano a connetterci con il prossimo, stabilendo (o ristabilendo) legami.

C’è Kyoko che, decidendo di prepararsi l’agnello per cena, ricomincia a prendersi cura di sé e del suo cuore spezzato; Naoya, impastando insieme alla sorella, le restituisce la voglia di mangiare; Akio che si iscrive a un corso di cucina per ricordare la moglie e incontra nuove persone; Momoko che si è sempre potuta occupare poco del figlio ma, appena poteva, gli preparava un piatto speciale. E così via.

Ecco i tre buoni motivi per leggere questa piccola chicca.

1. Tenero come solo certi libri giapponesi sanno essere

Ho trovato in questo libro una tenerezza tutta giapponese: i ricordi e le emozioni sono nascosti nelle piccole cose di tutti i giorni. Un piatto speciale che una mamma prepara per il figlio, una serata che rimette in sintonia una coppia in crisi, una persona gentile che aiuta un vedovo a scoprire qual era quel piatto che la moglie gli preparava sempre così bene, un gesto di gentilezza verso se stessi, una telefonata della nuora che chiede una ricetta e risveglia vecchi ricordi. Tramite il fil rouge della cucina, si fa pace con il proprio passato e si guarda avanti. Si potrebbe dire che è un libro che ispira “saudade”, che parla di ricordi nostalgici, affettivi, gentili come una brezza primaverile, che però non comportano tanto tristezza quanto accettazione del passato e fede nel futuro.

Sicuramente in giapponese esiste un termine per descrivere questo specifico sentimento. Anzi, mi sono ricordata grazie ad Amélie Nothomb (autrice che adoro) che la parola che potrebbe avvicinarsi di più a quello che voglio dire è “natsukashii”, nostalgia felice, l’istante in cui la memoria rievoca un bel ricordo che riempie di dolcezza.

2. Racconti concatenati

I racconti sono brevi episodi, sempre con protagonisti diversi, ma legati l’uno all’altro da una sorta di “passaggio di testimone”. In alcuni casi si tratta di amici dei protagonisti del racconto precedente, in altri semplici conoscenti o colleghi: un escamotage divertente e azzeccato per unire storie che, senza questo comune denominatore, avrebbero come collegamento solo l’argomento principale, ovvero la cucina.

3. Qualche ora di buonumore con un tuffo in cucina

È un libro che si legge molto in fretta e non necessita di particolare concentrazione: sono 15 piccoli racconti che possono essere letti tutti d’un fiato oppure a distanza di tempo senza paura di perdere il filo, perché ognuno racconta una storia diversa. E poi, chi ama la cucina giapponese, potrà trovare ricette di piatti conosciuti e meno, sicuramente molto comuni nelle case del Sol Levante, un po’ meno nei ristoranti che hanno aperto in Italia: tsukemono, chimaki, zuppa di ravioli, maiale alla Yanagawa, udon e molto altro.

 

frase sushi misto dopo amore

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Roald Dahl e l’intelligenza...

Avete presente quei libri che avete in casa da...

La solitudine dei fan...

La casa editrice e/o ha portato in Italia il...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Bridgerton” (Netflix): la vita difficile degli sceneggiatori

Le serie tv che conquistano milioni di spettatori e spettatrici devono molta della loro fortuna al testo, all’intreccio, quindi il loro successo (o fallimento)...
Quando negli ingredienti di un piatto si nascondono ricordi ed emozioni che ci aiutano a connetterci con il prossimo, stabilendo (o ristabilendo) legami"Sushi misto dopo l'amore" di Mitsuyo Kakuta: la buona cucina che nutre anche l'anima