Tre buoni motivi per leggere “Il curioso caso di Benjamin Button” di Francis Scott Fitzgerald

Tempo di lettura: 1 minuto

4.5 out of 5 stars (4,5 / 5)
Un racconto che vale la pena scoprire. E… dimenticatevi il film.


Forse non lo sapevate, ma… “Il curioso caso di Benjamin Button”, fortunato film con Brad Pitt e Cate Blanchett che racconta la vita di un uomo che nasce vecchio e muore bambino, è tratto dall’omonimo racconto di Francis Scott Fitzgerald, scritto nel 1922. Ho letto la versione edita da Feltrinelli Zoom Flash nel 2013.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 È un piccolo gioiellino, si legge in poche ore, e mantiene – anzi, forse la sintesi lo esalta – tutto lo stile assolutamente fresco, leggibile e godibile di Francis Scott Fitzgerald. Un racconto assolutamente per tutti.

2 È ironico, molto più del film, il che la rende una lettura frizzante, mentre il film – al contrario – è lungo e in alcuni momenti un po’ “lento”.

3E, a proposito: dimenticate il film. Il racconto è molto diverso, molto più “incredibile” e per questo molto meno drammatico. Benjamin quando nasce ha già la corporatura di un adulto, sa già parlare, è perplesso davanti ai tentativi dei genitori di farlo giocare, non viene abbandonato, ma la sua particolarità viene presa dai più come uno scherzo di cattivo gusto. Insomma, leggendolo si ha l’opportunità di conoscere la storia di Benjamin come non l’abbiamo conosciuta.

Roald Dahl e l’intelligenza...

Avete presente quei libri che avete in casa da...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

“Sushi misto dopo l’amore”...

Se siete amanti dei racconti brevi, della letteratura giapponese,...

“La caduta della casa...

Abbiamo già parlato della serie tv Netflix "La caduta...

Schegge di paura: tre...

Ci sono molti modi per passare una notte da...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Bridgerton” (Netflix): la vita difficile degli sceneggiatori

Le serie tv che conquistano milioni di spettatori e spettatrici devono molta della loro fortuna al testo, all’intreccio, quindi il loro successo (o fallimento)...