Tre buoni motivi per leggere “I love Tokyo” de La Pina

Tempo di lettura: 2 minuti

4 out of 5 stars (4 / 5)
Simpaticissimo testo per chi vuole visitare – oltre le convenzioni e le classiche guide – il Giappone


Lo sapete, sono fissata con il Giappone, fatevene una ragione. E dunque, pur senza pianificare un viaggio nell’immediato – ma andrò nel paese del Sol Levante prima o poi, oh se ci andrò – mi sono divorata “I love Tokyo” (edito da Vallardi nel 2017) de La Pina, al secolo Orsola Branzi, storica speaker di Radio Deejay. L’autrice sa il fatto suo: è stata in Giappone 43 volte e dunque, al posto di spiegare ogni cosa a ogni singola persona che le chiede consigli, ha deciso di riversare tutta la sua conoscenza in questo libro.

Non perdo tempo e vi fornisco subito tre buoni motivi per leggerlo:

1 Perché è diverso dalle solite guide turistiche “seriose”, è decisamente pop, ironico, non convenzionale: La Pina – curiosa viaggiatrice – sa benissimo come muoversi a Tokyo, e dunque preparatevi a essere travolti da consigli non solo sulle cose da vedere tassativamente, ma anche e soprattutto sui dettagli che naturalmente più esilaranti sono, meglio è: dai consigli sulla raccolta differenziata (e qui si capisce che gli italiani non si possono proprio lamentare, con l’unica differenza che i giapponesi le regole le rispettano) ai posti più insoliti per fare shopping, dalle espressioni più comuni ai piatti più stravaganti tutti naturalmente da provare, dalle regole del bon ton diversissime dalle nostre ai piccoli e furbi consigli per chi viaggia (dai tipi di hotel alla disponibilità di internet passando per i trucchi per risparmiare). Insomma, tutte quelle raccomandazioni spicciole e curiose che però chi viaggia vuole sapere. Senza trascurare una bella infarinatura di cultura generale nipponica.

2 Perchè La Pina ha un entusiasmo coinvolgente, dettato un po’ dal suo carattere, un po’ dal fatto che lei Tokyo la ama davvero e questo libro è sì una guida, ma anche una serenata nei confronti di questa città che porta nel cuore. Insomma, se volevate visitare Tokyo già prima, questo libro vi convincerà ancora di più. E dunque questo viaggio lo prenotiamo o no?

3 Perché solo il testo non poteva bastare: e allora il libro – oltre ad essere illustrato – ha tanti QR code che, tramite la fotocamera dello smartphone, portano a tanti contenuti multimediali in più, come foto, video, e anche musica. Sì, perché il libro ha anche una colonna sonora, composta da Emiliano Pepe, marito de La Pina. Decisamente originale.

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...