Tre buoni motivi per leggere “Il mio nome è Sissi”

Tempo di lettura: 1 minuto

3.5 out of 5 stars (3,5 / 5) Una biografia documentata e puntuale della principessa Sissi


È iniziato tutto una sera di due anni fa. Stavo facendo zapping sul divano con il mio ragazzo, e a un certo punto è comparso il primo film della trilogia della principessa Sissi, quello del 1955 con Romy Schneider, uno dei film che piacciono tanto a mia nonna, e che mi ricordano di quando ero piccola e lei me li faceva vedere. Così ho deciso di riguardarlo.

Naturalmente guardare un film del genere restando seri con il mio ragazzo accanto è impossibile, dunque ho deciso di approfondire leggendomi un buon libro su Elisabetta di Baviera che, come quasi tutte le principesse, si rende conto che la vita di corte è molto meno favolosa di come viene dipinta (se amate le storie di principesse tristi come Diana, la storia di Sissi fa per voi). E così ho letto “Il mio nome è Sissi” di Allison Pataki (Bookme, 2015).

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 Non fatevi ingannare dal titolo: non è un romanzo rosa. L’autrice è una giornalista che ha deciso di cimentarsi nella biografia di questa sfortunata principessa, e per farlo si è documentata e ha viaggiato nei luoghi in cui ha vissuto Sissi.

2 La biografia è comunque romanzata, dunque ci sono tutti gli ingredienti di un romanzo, che rendono le bio molto più digeribili a mio avviso.

3 Rimango sempre affascinata da come le masse possano affezionarsi così tanto a una figura che rimane poi “leggendaria”: Sissi, inesperta di politica e inizialmente non destinata a diventare imperatrice, conquista il cuore di (quasi) tutti, e soprattutto del suo popolo. Il libro rende l’idea del perché.

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

ANTEPRIMA | “Akira Toriyama”...

Cosa succede nel momento in cui da bruchi si...

Gli uomini della bomba...

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi...

“I vagamondi” di Claudio...

Da pochi giorni si sta svolgendo la centodecima edizione...

“Generazione Settanta” di Miguel...

Il sottotitolo dell'ultimo saggio storico di Miguel Gotor (Einaudi,...

Festival di Sanremo 2023:...

C'erano una volta i libri sui cantanti: chi di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...