Tre buoni motivi per leggere “Il respiro delle anime” di Gigi Paoli

Tempo di lettura: 1 minuto

3 out of 5 stars (3 / 5) Intrigante giallo ambientato a Firenze


C’è poco da fare: sarà deformazione professionale, ma quando un libro è scritto da un giornalista e ha come protagonista un giornalista, mi piace leggerlo. Mi ci ritrovo, almeno un po’.

In questo caso, Paoli, che è stato per 15 anni il responsabile della cronaca giudiziaria della redazione di Firenze de La Nazione (e si percepisce) racconta le peripezie del giornalista Carlo Alberto Marchi, alle prese con il misterioso omicidio del dirigente americano di una nota azienda farmaceutica. Ecco tre buoni motivi per leggere “Il respiro delle anime” (Giunti, 2017):

1 Perché il protagonista è indisciplinato, si lascia guidare dall’istinto, ama indagare per i fatti suoi anche se il direttore non è d’accordo, insomma un simpatico mascalzone. Bravo.

2 Perché verso il finale (e qui forse spoilero, ma solo poco, prometto) gli eventi prendono davvero una piega totalmente inaspettata.

3 Perché – e questo è un motivo tutto personale – mi ricorda il mio mestiere, anche se non mi occupo di giudiziaria. E quanto sono fortunata a fare un lavoro che mi piace davvero, per cui come il protagonista lavoro ai ritmi e agli orari più impensati, gli amici sono abituati al fatto che la mia presenza non è mai assicurata fino all’ultimo  momento se c’è il lavoro di mezzo (figuriamoci i parenti), ma sì, ne vale la pena.

Per contro, mi sarebbe piaciuto che l’autore approfondisse un po’ meglio la vita privata dei personaggi, giusto per imparare a conoscerli un po’ di più.

Detto ciò, aggiungo che Paoli ha scritto un altro libro prima di questo, ovvero “Il rumore della pioggia”, sempre con il medesimo protagonista. Sicuramente lo leggerò più avanti e vedremo se riscontrerò sempre gli stessi pregi e difetti.

“Milena Sutter” di Graziano...

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Delitti da scartare sotto...

Dopo il grande interesse suscitato dai nostri consigli di...

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

Quali sono le recensioni...

Diamo i numeri! No, non siamo impazziti, volevamo semplicemente...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...