Tre buoni motivi per leggere “Lui è tornato” di Timur Vermes

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5) Un ritorno inaspettato tra sferzante ironia e grottesco, un esperimento sociale molto interessante.


Ho apprezzato molto “Lui è tornato” di Timur Vermes (Bompiani, 2012), sebbene abbia apprezzato più il film, perché il film (che si trova su Netflix) è davvero a metà tra racconto ed esperimento sociale vero, e contiene una riflessione finale profonda e inquietante.

La trama è decisamente ironica (ho riso in più punti, non me ne vogliate) e anche un po’ grottesca. Dunque, siamo ai giorni nostri e inspiegabilmente Adolf Hitler – addormentato non si sa di che genere di sonno, in una zona abbandonata da tutti dopo la Seconda Guerra Mondiale – si “risveglia”. Lui cerca di orientarsi senza capire, la gente lo prende come un pazzo, un provocatore, un eccellente imitatore e un genio della satira. Andrà persino in tv, e scoprirà di esercitare ancora oggi un grande appeal.

Tre buoni motivi per leggerlo (e, fidatevi di me, per vedere il film):

1 Perché riesce a far riflettere sull’importanza della memoria storica pur senza essere retorico e, anzi, raccontando una storiella leggera e ironica. È quindi davvero adatto a tutti.

2 Perché l’interrogativo finale è attuale e inquietante, e io davvero non saprei dare risposta: se Adolf Hitler tornasse veramente, con i mezzi di comunicazione degli anni 2000, tra social e talk show, sarebbero davvero tutti pronti a condannarlo? O è più probabile che le masse si mettano in fila per un selfie con lui?

3 Perchè (questo però è un motivo-bonus che riguarda solo il film) il regista David Wnendt ha scelto di fare un esperimento sociale, inserendo più volte l’attore principale vestito da Hitler in un contesto reale, senza comparse ma con passanti veri. E beh, erano tante le persone che si facevano un selfie con lui.

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Tra Dickens, la Sirenetta...

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo...

Derive e burnout del...

"La lavoratrice" della spagnola Elvira Navarro (2019, nell'efficace traduzione...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...