Tre buoni motivi per leggere “Il velo strappato” di Carmen Bin Laden

Tempo di lettura: 1 minuto

3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)
La dolorosa testimonianza di una donna diventata parte di una famiglia tristemente famosa


Quando parlo di questo libro, la prima domanda che mi viene rivolta è: «Ma quei Bin Laden». Sì, quei Bin Laden. Quelli di Osama, per intenderci.

Carmen Dufour, nata da padre svizzero e madre iraniana, è stata sposata dal 1974 al 1988 (ottenendo però il divorzio solo nel 2006, dopo una lunga battaglia) con Yeslam Bin Laden uno dei tanti, tantissimi, fratelli di Osama. Nel 2004 ha pubblicato “Il velo strappato” (Piemme) in cui racconta la sua storia d’amore, iniziata tra l’America e la Svizzera, diventata poi un incubo con il trasferimento in Arabia Saudita, fatto di radicalizzazione, sottomissione e violenze psicologiche.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 Ormai storie come queste non si contano più, grazie al coraggio di tutte coloro che hanno voluto parlarne e scriverne. Ma nel 2004, appena tre anni dopo l’attentato delle Torri Gemelle, non conoscevamo ancora così a fondo il volto più radicale dell’Islam. Non erano poi tante le donne che denunciavano pubblicamente, e l’argomento – prima del 2001 – non suscitava ancora così tanto interesse.

2 Allacciandomi al punto 1, potrei dire che dunque il racconto di Carmen Bin Laden ha rappresentato per certi versi qualcosa di nuovo. Soprattutto anche perché la testimonianza non veniva da una donna qualunque, ma dalla cognata di Osama Bin Laden. Dunque, oltre alle parole di una donna che affronta il lato più radicale dell’Islam, si trova anche l’estrema attualità e, certo, la curiosità di saperne di più su una delle famiglie tristemente più famose del mondo. Anche se in realtà si scopre, leggendo il libro, che Carmen ha incontrato ben poche volte Osama, mentre il resto della famiglia, il contesto in cui il terrorista è cresciuto, lo ha conosciuto piuttosto bene.

3 Perché alla fine Carmen riesce a riscattarsi e a trovare la forza per andarsene dal clan Bin Laden (cosa che forse non tutte le donne saudite hanno i mezzi per poter fare) soprattutto pensando alla sorte e al futuro delle sue tre figlie.

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

“Il ragazzo” di Annie...

Attirata dai racconti e dai romanzi brevi, ho acquistato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“Trovati un lavoro e...

L'asterisco avverte subito: il titolo non è altro che...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...