“Il ragazzo” di Annie Ernaux: il legame tra amore e scrittura spiegato da un Nobel

SUL LIBRO

Un piccolo gioiellino arricchito da tre discorsi dell'autrice, uno dei quali (quello sulla parità di genere) dovrebbe essere letto nelle scuole

Tempo di lettura: 2 minuti

Attirata dai racconti e dai romanzi brevi, ho acquistato tempo fa “Il ragazzo” di Annie Ernaux che nell’edizione pubblicata da L’Orma nel 2022 è affiancato anche da tre discorsi con riflessioni dell’autrice Premio Nobel per la Letteratura. Con le vacanze di Natale e un’influenza che mi ha obbligata a fermarmi qualche giorno l’ho finalmente letto, ed è stata una magnifica apertura letteraria per questo 2024.

La trama, in breve: Ne “Il ragazzo” l’autrice racconta in prima persona la relazione che ha avuto nella fine degli anni ’90 con un uomo trent’anni più giovane di lei. Un rapporto che la spingerà a sfidare le convenzioni, che la porterà a rivivere alcune tappe della sua gioventù “scandalosa” (raccontata in altri libri) con una nuova consapevolezza e, infine, che le darà un nuovo slancio anche come scrittrice.

Perché leggere “Il ragazzo” di Annie Ernaux

Ecco tre buoni motivi per leggere questo romanzo breve (anzi, brevissimo, con le sue 36 pagine!):

1 Il legame tra scrittura e amore spiegato da un premio Nobel: c’è un legame tra passione, amore e scrittura? Secondo l’esperienza di Ernaux sì. Anzi, è tra le prime cose che ammette: la relazione con quel ragazzo è nata perché “spesso ho fatto l’amore per obbligarmi a scrivere”, paragonando il piacere sessuale a quello della scrittura di un libro. Ed è stato forse proprio il desiderio di mettere in moto la scrittura di un libro a spingere l’autrice ad invitare a casa sua per la prima volta il suo giovane amante. La passione si trasforma in sentimento, in un viaggio nel tempo e, infine, in un ricordo doloroso che, dopo qualche tempo, la porterà a chiudere la relazione senza rancori, consapevole che “il suo ruolo di scoperchiatore del tempo nella mia vita era finito. Probabilmente era finito anche il mio, di iniziatrice, nella sua”.

2 È un libro che sfida (ancora oggi) le convenzioni: avere un amante con una grande differenza di età è ancora oggi una cosa considerata socialmente riprovevole per una donna. Per un uomo, invece, è un fatto solitamente più accettato. E Annie Ernaux descrive bene gli stereotipi, gli sguardi di disapprovazione dei passanti, i giudizi malevoli che il più delle volte ricadevano sulla donna anziché sull’uomo. Questo, in ogni caso, non ha mai fermato l’autrice: “Lo sguardo dei clienti del tavolo accanto al nostro […] ben lontano da provocarmi vergogna, rafforzava la mia determinazione a non nascondere quella relazione”.

3 I tre discorsi che spiegano il libro: se alla fine di questo romanzo breve siete ancora alla ricerca di una chiave di lettura, L’Orma ha terminato il volume con tre discorsi in cui l’autrice riflette sulla memoria, la condizione femminile (che sarebbe da far leggere nelle scuole) e il binomio città/periferie. Tre temi importantissimi per comprendere a fondo “Il ragazzo” ma anche per pensare a quanto ci sia ancora maledettamente da fare nella nostra società per arrivare a una vera parità di genere.

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

ANTEPRIMA | “Akira Toriyama”...

Cosa succede nel momento in cui da bruchi si...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Un piccolo gioiellino arricchito da tre discorsi dell'autrice, uno dei quali (quello sulla parità di genere) dovrebbe essere letto nelle scuole"Il ragazzo" di Annie Ernaux: il legame tra amore e scrittura spiegato da un Nobel