“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

SUL LIBRO

Una meraviglia dell'impossibile, una distopia che si tramuta in utopia e che si legge in un giorno

Tempo di lettura: 2 minuti

Con “L’ultimo uomo bianco” (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con “Il fondamentalista riluttante” e proseguito con “Exit West” (di cui abbiamo già parlato su Tre Buoni Motivi per Leggere). Lo fa con un’opera ancora più asciutta delle precedenti e dimostrandosi uno dei pochi autori contemporanei a coniugare uno stile personale e la capacità di spiazzare il lettore lasciandolo, semplicemente, pieno di meraviglia. Non solo la letteratura, ma tutti noi, abbiamo bisogno di scrittori come Hamid.

La trama in breve

Una mattina Anders, un uomo bianco che lavora in una palestra per uomini bianchi, si sveglia ed è diventato nero. Si nasconde, spera che passi e inizialmente si confida con l’amica e amante Oona, che quasi sorprendentemente non è sconvolta dal fatto. Lo è invece il padre di Anders prima che quello che è successo il figlio cominci ad accadere a sempre più persone. Tra i neri, i diventati neri e i bianchi inizia una spirale di tensione e violenza, alimentata soprattutto dai complottismi e dalle paure di chi difende la bianchezza, tra cui spicca la madre di Oona. Le tensioni sociali sembrano essere vicine a un punto di non ritorno, a una specie di apocalisse. Ma man mano che i bianchi continuano a diventare neri, qualcosa definitivamente, inverte la rotta di Anders, Oona e i loro genitori. E di tutti quanti.

Tre buoni motivi per leggerlo

Pur essendo quasi un racconto lungo e sia quasi privo di azione, ne “L’ultimo uomo bianco” succedono moltissime cose e arrivati alla fine i buoni motivi per consigliare di leggerlo sono ben più dei tre che vi proponiamo.

1Hamid è passato dal realismo de “Il fondamentalista riluttante” al realismo magico di “Exit West” per approdare a questo romanzo che sembra un episodio della fortunata serie tv Netflix “Black Mirror”. A questo uso delle strutture narrative corrisponde una crescita esponenziale della qualità della scrittura, che non esito a definire cristallina. Con una semplicità disarmante si esplorano le questioni più complesse, mantenendo il piacere di scorrere le pagine.

2Questa è una storia di fantascienza sociale, che coinvolge l’intera società, ma i protagonisti sono solo quattro. Anders e suo padre, Oona e sua madre. Un mondo in quattro caratteri capaci di essere universali. Come nei suoi libri precedenti, Hamid usa le vicende di persone comuni per dare loro il valore più alto: quello della dignità e della riconoscibilità. Non c’è nulla di artificiale, nei protagonisti de “L’ultimo uomo bianco”, niente che non suoni familiare e vero. Niente che non ci parli. Hamid ci dice una cosa semplice: negli affetti, c’è tutto quello che dobbiamo sapere per vivere.

3All’inizio e nella sua parte centrale, questo romanzo è una distopia. Si respira un’atmosfera simile a “Il racconto dell’Ancella” di Margaret Atwood o al recente “Due del mattino a Little America” di Ken Kalfus, storie che raccontano dove può portarci l’aggressività in cui purtroppo viviamo. Ma quello che rende unico “L’ultimo uomo bianco” è che si rivela un’utopia, ed è per questo che riempie di meraviglia. L’utopia del cambiamento, dell’annullamento delle barriere, di un futuro possibile. E migliore.

Il destino del desiderio...

Ci sono romanzi da cui ti aspetti una cosa...

“Il limite invisibile” di...

Con "Il limite invisibile" (Giunti, 2023, nella efficace traduzione...

“Pizza Girl” di Jean...

"Pizza Girl", esordio di Jean Kyoung Frazier (Blackie, 2022,...

“La Torre” di Bae...

Di fronte alla collana 'Asia' della casa editrice torinese...

Dark Japan: “Non è...

Potrebbe essere un manga e sarebbe perfetto per una...

Essere donna in Corea...

Il soft power culturale della Corea del Sud è...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...

Il destino del desiderio nell’era del K-pop: “Y/N” di Esther Yi

Ci sono romanzi da cui ti aspetti una cosa e quello che trovi è non solo molto diverso, ma straordinariamente più interessante di ciò...

Tre buoni motivi per leggere la serie del Commissario Gamache di Louise Penny

Tre libri, tre giudizi diversi per una saga che vale 4 stelle "Case di vetro", "Il regno delle ombre" e "Un uomo migliore" sono i...

“Pizza Girl” di Jean Kyoung Frazier: gli stupefacenti disordini dell’amore

"Pizza Girl", esordio di Jean Kyoung Frazier (Blackie, 2022, magnifica traduzione di Monica Nastasi), è un dono per cui dobbiamo ringraziare Richard Ford e...

Tre buoni motivi per leggere “Il mondo deve sapere” di Michela Murgia

Aprire il libro sul proprio lavoro per aprire gli occhi dei lettori: il sogno proibito è anche utile "Il mondo deve sapere (quant'è schifa la vita...
Una meraviglia dell'impossibile, una distopia che si tramuta in utopia e che si legge in un giorno"L'ultimo uomo bianco" di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?