Giorno della Memoria: 3 libri per far sì che non rimanga una semplice “ricorrenza da calendario”

Tempo di lettura: 2 minuti

Se anche Liliana Segre (di cui Einaudi ha appena pubblicato il discorso al Senato della Repubblica del 13 ottobre 2022 con il titolo “La stella polare della Costituzione”), si è posta dei dubbi sulla possibilità che l’Olocausto possa continuare ad essere un elemento centrale dell’identità europea, una riflessione sul Giorno della Memoria si impone come attuale e decisiva.

Il fatto è che man mano che le fila dei testimoni diretti e dei sopravvissuti si assottigliano, il compito di preservare la verità di ciò che è successo si trasferisce agli storici più che a qualunque altra categoria.

Se eludiamo l’importanza e le responsabilità della storia, il rischio è quello di ridurre il Giorno della Memoria ad una rassegna di opere artistiche che, anche le migliori, potrebbero col tempo essere sganciate dai fatti, farsi museo, perdendo di efficacia. Proprio come la retorica dei necessari discorsi ufficiali, compresi quelli sinceri. O, peggio, il Giorno della Memoria potrebbe ridursi a una semplice ricorrenza del calendario, tra la Giornata dell’Abbraccio e il Blue Monday.

Peraltro la storia dell’Olocausto, dell’ideologia che l’ha prodotto, delle logiche organizzative con cui è stato condotto, delle sue cause e delle sue conseguenze continua ad essere arricchita da studi sempre più approfonditi che esplorano dettagli sino ad oggi trascurati o che emergono grazie all’accesso a nuove fonti. Nello stesso tempo le modalità con cui esercitiamo il ricorso producendo monumenti, film, memoriali, musei non sono neutri e univoci, ma dipendono dalla nostra posizione nella storia e da come ci vediamo nel presente e nel futuro. La memoria non è mai neutra, anche se spesso ci piace pensare che sia così. La memoria è scelta e selezione di ciò che si vuole ricordare in maniera particolare, mentre la storia è una disciplina di conoscenza.

Quindi per questo 27 gennaio 2023 vogliamo proporre tre libri di storia forse passati un po’ inosservati rispetto alla loro accuratezza e alla loro importanza.

1 Johann Chapoutot: “Nazismo e management. Liberi di Obbedire” (Einaudi 2021): Chapoutot è forse il miglior storico attuale del nazismo, su cui ha scritto monografie di ampio respiro e testi di microstoria notevoli. In questa seconda categoria rientra questo piccolo ma sconvolgente libro, in cui si racconta la storia di Reinhard Höhn, un generale delle SS che dopo la guerra fondò e diresse una scuola di management che formò centinaia di migliaia di dirigenti e quadri aziendali. Insegnando la governance nazista. Perchè il nazismo è stato anche questo: un metodo. Raccontandoci una delle tante storie di denazificazione mancata, Chapoutot apre uno spiraglio su qualcosa di più profondo che fa ombra anche al nostro presente, perché la banalità del male si fondava su procedure raffinati e audaci, che abbiamo fatto finta di non vedere.

2 Frida Bertolini: “Gli inganni della memoria. Testimonianza, falsificazioni, negazioni” (Mimesis, 2016). I testimoni sono sempre affidabili? No. A volte i testimoni mentono? Può succedere, sia intenzionalmente che no. L’errore di un testimone cambia la verità dei fatti? Un testimone smascherato può dare ragione, nel caso dell’Olocausto, alle argomentazioni dei negazionisti? Sono le domande a cui risponde Frida Bertolini in questo bellissimo volume che, analizzando casi molto famosi di “false storie” o presunte tali, smonta i miti del relativismo culturale e pone il rigoroso lavoro dello storico come presidio dei fatti. E quindi della memoria.

3 Keith Lowe: “Prigionieri della storia. Che cosa ci insegnano i monumenti della seconda guerra mondiale sulla memoria e su noi stessi” (Utet, 2021). Un viaggio straordinario attraverso tutto il mondo, dalla Russia ad Israele, dalla Germania agli Stati Uniti, dall’Italia alla Cina, dal Giappone alla Francia alla Corea del Sud. Come si ricordano i vincitori e i vinti, le vittime e i carnefici? Cosa significano e cosa dicono di chi li ha progettati ed eretti statue, memoriali, installazioni, musei? In quest’epoca di cancel culture i monumenti delle nostre piazze parlano del passato o del presente? Corredato da un completo apparato iconografico e con una capacità di approfondimento davvero strabiliante, questo è un libro di storia che tutti dovremmo leggere per capire il Giorno della Memoria, e per non tradirlo.

 

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...