“L’arte queer del fallimento” di Jack Halberstam: la rivoluzione dell’insuccesso

SUL LIBRO

Difendere il fallimento come alternativa a un modello sociale dominante, che ha nella competizione e nel culto del successo il suo fondamento

Tempo di lettura: 3 minuti

Nel catalogo di saggistica di Minimum Fax, cresciuto in modo travolgente in questi ultimi anni per profondità delle questioni trattate e qualità degli autori e delle autrici proposte, “L’arte queer del fallimento” di Jack Halberstam (traduzione efficacissima di Goffredo Polizzi) è un’incursione anarchica e perturbante così ricca da sfuggire a qualsiasi riduzione accademica. Del resto questa è una delle intenzioni dichiarate dell’autrice: uscire dal mainstream e dalle codificazioni eteronormative in modo radicale, aderendo alla pratica gramsciana della teoria bassa.

Ma l’obiettivo principale è quello di difendere il fallimento come alternativa a un modello sociale dominante, che ha nella competizione e nel culto del successo il suo fondamento e il suo scopo. Contrapponendosi a un filosofo assai modaiolo come Zizek, Halberstam dice: “Anche Zizek ha affrontato il tema del fallimento in un libro oppportunamente intitolato ‘In difesa delle cause perse’, ma piuttosto che analizzare il fallimento in sè come una categoria che i vincitori fanno valere contro i perdenti, e come una serie di standard che fanno sì che le tutte le iniziatve radicali, comprese quelle future, vengano giudicate inefficienti dal punto di vista dei costi (come ho cercato di fare io in questo libro), Zizek vede nel fallimento una sosta temporanea nella strada verso il successo. Anche qui, come in altri suoi libri, mette alla berlina il postmoderno, il queer, il femminismo, ignora del tutto gli studi critici sull’etnia […] Zizek non difende le cause perse – cerca solo di resuscitare un modello di insurrezione politica che dipende dalla saggezza, dal virtuosismo intellettuale e dall’intuizione radicale di, bè, persone come lui”. Cosa ha fatto Zizek per far arrabbiare così tanto Halberstam? Ha parlato male di “Kung Fu Panda”.

Perchè il cuore di questo lavoro sono i cartoon, in particolare i film di animazione in stop motion e CGI (Computer-generated imagery). “Galline in fuga”, “Alla ricerca di Nemo”, “Monsters & Co.”, “Shrek”, “Babe maialino coraggioso” sono viste come storie che aprono lo spazio a una politica alternativa; storie di diversità e perversità che fanno convergere personale e politico nel riscatto del fallimento e nella dimensione della cooperazione tra diversi e perversi. Immaginario liberato, insomma.

Halberstam analizza il materiale della cultura popolare e di artisti (soprattutto pittori e fotografi) per ricavare narrazioni non solo alternative ma sfuggenti. Perché il fallimento di cui parla il libro è una dimensione altra rispetto a quella del capitalismo performativo e del selff qualified, dove l’individuo può sempre migliorarsi da solo, avere successo a scapito degli altri e, in caso di fallimento, essere vittima della vergogna e del senso di colpa. In questo senso la lettura di “Galline in fuga” e di una collezione di fotografie di atleti arrivati quarti alle Olimpiadi rappresentano i passaggi più efficaci e diretti di un saggio tanto avvolgente quanto gioiosamente spiazzante e a tratti divertente.

Infatti Halberstam di una pensatrice originalissima, colta e a suo agio nella cultura di massa (una capacità rara che deve molto a Walter Benjamin), capace di attraversare le questioni e gli spunti in modo nomadico ma sempre mantenendo una traiettoria ben precisa e stimolante: dopo aver letto “L’arte queer del fallimento” viene voglia di rileggere in modo completamente diverso molte opere visive e letterarie utilizzando le chiavi interpretative perturbanti dell’autrice (ad esempio “Game of Thrones” si presta moltissimo a questo tipo di operazione). Inoltre Halberstam non si ritrae nemmeno davanti alle vicende più scomode, come il rapporto tra omosessualità e nazismo (per dimostrare che l’equazione diritti di genere/sinistra è inesatta) e il rischio di omologazione di tutte le liminalità – oltre al genere, la razza, la religione, le classi sociali e le specie – a un unico modello di adattamento al contesto neoliberale.

Il fallimento queer è proprio la ricusazione di questo rischio: un’utopia letterale, ovvero un luogo che non c’è ma che siamo in grado di pensare. Esattamente come i cartoni che guardano i bambini: “Il bello di questi film è che non temono il fallimento, non apprezzano il successo, e rappresentano bambini e bambine non come pre-adulti in cerca del significato del futuro, ma come esseri anarchici che prendono parte a logiche strane e incongruenti. […] Renton, Johnny Rotten, la Gallina Gaia, Dory e Babe, come si atleti che si piazzano al quarto posto, ci ricordano che c’è qualcosa di potente nello sbagliare, nel perdere e nel fallire, e che tutti i nostri fallimento messi insieme potrebbero bastare, se li pratichiamo bene, a spodestare i vincitori”. 

Dopo aver letto “L’arte queer del fallimento” non guarderete più nessun cartone allo stesso modo e forse penserete, almeno un po’, in modo differente. È il pregio della migliore teoria: disseminare di dubbi e transizioni e vedere dove vanno a parare, lontano dai riflettori del mainstrem.

 

 

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...
Difendere il fallimento come alternativa a un modello sociale dominante, che ha nella competizione e nel culto del successo il suo fondamento"L'arte queer del fallimento" di Jack Halberstam: la rivoluzione dell'insuccesso