Tre buoni motivi per leggere “The Handmaid’s Tale” di Margaret Atwood

Tempo di lettura: 1 minuto

4.5 out of 5 stars (4,5 / 5) E se un giorno, in una società devastata da guerre e inquinamento, le donne perdessero ogni libertà?


“The Handmaid’s Tale” o “Il racconto dell’ancella” è stata ed è una delle serie tv più seguite e acclamate dalla critica. L’ho vista anche io e, seppur trovandola in certi punti molto cruda, mi è piaciuta molto, dunque ho deciso di leggere anche il libro di Margaret Atwood (editore Ponte alle Grazie), scritto nel 1985.

La trama, in breve: in un futuro distopico, negli Stati Uniti – devastati dalle guerre e dall’inquinamento – si instaura un regime totalitario teocratico di ispirazione biblica, la “Repubblica di Galaad”. Qui le donne sono private di ogni libertà e diritto, e le poche ancora fertili diventano “ancelle”, costrette a procreare per far poi accudire i loro figli alle famiglie di elevato rango sociale.

Ecco tre buoni motivi per leggere il romanzo:

1 Per le molte domande che esso pone, a cui è difficile trovare risposta. Personalmente ho discusso anche un sacco con i miei amici: è possibile, in un ipotetico futuro, stravolgere così la vita di una società, trovando nella donna il capro espiatorio, e togliendole praticamente ogni diritto da un giorno all’altro? Sembra assurdo. Sarebbe possibile, nell’era dei social e dell’informazione diffusa, arrivare a instaurare una dittatura nel giro di poco tempo (magari non come quella del “Racconto dell’ancella”, ma comunque una dittatura) convincendo le masse? Secondo me, sì.

2 Perché ho trovato molto bello il finale. Non andrò avanti a spoilerare, tenete solo conto che il libro è uno solo, al contrario delle stagioni della serie tv che sono ancora in produzione, e dunque si arriva a una conclusione, che spiega anche alcuni dettagli che – nel testo – erano stati tralasciati, mentre nella serie tv no.

3 Perché è molto facile da leggere, adatto a tutti, molto scorrevole.

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

La trilogia de “Il...

La fantascienza sta vivendo un nuovo periodo d'oro. Un...

La solitudine dei fan...

La casa editrice e/o ha portato in Italia il...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...