Tre buoni motivi per leggere “Ci piace leggere!” dei ragazzi di Mare di Libri

Tempo di lettura: 2 minuti

5 out of 5 stars (5 / 5)

Giovanissimi a cui piace leggere: sì, nel 2019 esistono e sì, sono tanti. Che toccasana questo libro!


È proprio vero che i ragazzi non amano più leggere? Che preferiscono sempre stare incollati a smartphone e tablet? Che non ci sia più niente da fare? Se credete che la risposta a queste domande sia “sì”, allora “Ci piace leggere!” (Add Editore, 2018) sarà una boccata di aria fresca. L’ho visto tra gli stand del Salone del Libro di Torino ed è stato subito amore: un libro scritto dai ragazzi che parla dei loro gusti, fornisce spunti e suggerimenti, tante riflessioni mai banali e soprattutto che dice che sì, ai giovanissimi PIACE LEGGERE.

Ecco dunque tre buoni motivi per leggerlo:

1 Meraviglia delle meraviglie, il libro è scritto non da adulti bensì dalle ragazze e i ragazzi volontari di “Mare di Libri – Il festival dei ragazzi che leggono” di Rimini, tra gli 11 e i 18 anni. Ho così scoperto con gioia che esiste un festival organizzato dai ragazzi (supportati, ok, dagli adulti) per i ragazzi: nessun convegno per adulti in cui si parla dei giovani, dell’importanza di farli leggere, di quanto oggi non si legga più. Ci ho pensato spesso: perché, quando si parla di libri per ragazzi, devono farlo sempre gli adulti? Ebbene, questo è un evento rivolto ai piccoli lettori, organizzato da loro stessi. E “Ci piace leggere!” è un libro rivolto a tutti, ma scritto dai ragazzi che parlano, a cuore aperto e senza tabù, dei loro gusti.

2 Viviamo in un mondo in cui si ha la sensazione che la lettura sia un hobby sempre meno in voga, e vedere che ci sono ancora (tanti) giovanissimi che amano leggere, e che ci parlano dei loro gusti e delle loro passioni, è un vero toccasana. E sono orgogliosa del fatto che abbiamo tanti giovani che pongono, e argomentano, una serie di questioni molto interessanti per tutti, parlando in prima persona e raccontando le loro testimonianze dirette: che libri amano i giovanissimi? Ci sono libri per femmine e libri per maschi? Esistono ancora argomenti tabù? È proprio vero che i classici sono così noiosi?

3 Perché i ragazzi, parlando di ciò che ha colpito loro di più, forniscono anche una serie interessantissima di titoli e autori. Alcuni sono grandi classici (da Stephen King a Jane Austen), altri fanno parte di quel variopinto mondo dedicato all’adolescenza che adesso – per motivi anagrafici – non frequento più, ma che mi ha sempre affascinata: cosa leggono i giovani cittadini del mondo, adesso? Quali sono i temi che li colpiscono di più, nel 2019? Beh, i ragazzi hanno fornito davvero un sacco di spunti e titoli che hanno catturato il mio interesse e che sicuramente leggerò più avanti. Piccola curiosità: in fondo al libro ci sono anche tutte le schede dei libri citati, con titolo, autore, edizione e trama. Inutile dire che molti sono finiti nella mia “lista dei desideri”.

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

I film di culto...

Quentin Tarantino non è solo un grande regista, tra...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...